Ecco la galleria di alcuni miei lavori, che eseguo ogni due o tre anni. La lunga durata di questa sosta è dovuta alla mancanza di trasporto del sottoscritto nel prendere tele e pennelli,  al contrario di altri che - seppur con risultati più modesti - aprono le gambe del cavalletto con grande entusiasmo.

Cominciamo proprio dal cavalletto. Soltanto a pensare di montarlo, fissarlo, prendere i colori e scioglierli, ripulire i pennelli, cominciare a coprire le grandi aree di colore... beh, a quel punto mi passa già la voglia.

Diciamo che certi signori lassù mi hanno dotato di questo dono, quello di trasportare su tela o carta tutto ciò che vedo. Però si sono dimenticati un optional: la passione. 

Quando decido di iniziare dopo i lunghi digiuni comincio sempre così, con malavoglia. Poi, dopo la prima fase noiosissima, mi ci immergo dentro con la mia tecnica, forte, marcata, con una mano pesante che nemmeno io riesco a controllare. Finalmente la fase noiosa diventa divertente e quell'immagine che ho davanti assume un aspetto completamente diverso dall'originale: esclusivamente "mio". Proprio per la pesantezza della mia mano non mi arrischio a fare delicati acquerelli, che mi piacciono tanto.

Nella fase "divertente" succede qualcosa di strano: non capisco più niente. E' un momento in cui non mi accorgo nemmeno di quello che accade attorno a me. Siamo soli io, il soggetto, la tela e cinque colori: bianco, nero, rosso, blu e giallo, coi quali faccio tutto. Non uso altre gradazioni quali l'ocra, il violetto; li creo direttamente sul piattino.  Li mischio e li annacquo e nella confusione ci spengo sopra una sigaretta, intingo il pennello nel bicchiere di vino, asciugo i pennelli sui miei calzoni, aspiro una boccata dal tubetto di acrilico giallo. Insomma, un tunnel ipnotico dove solo all'uscita vedo il risultato prodotto. Un breve stato di trance durante il quale bilancio tonalità, incrocio cromature e decido la sorte del dipinto in poco meno di venti secondi. Tutto velocemente, infatti i migliori vengono fuori in poco più di un'ora. Ma alla fine sono esausto. E' davvero stressante.

Non ho mai fatto mostre, personali o collettive. Una sola volta, a mia insaputa, mi hanno iscritto all'estemporanea di Vinimilo nel '95. Arrivai secondo, poi basta. Non li vendo, sono appesi a casa mia o li regalo a parenti e amici perchè ogni tanto li devo vedere. Venderne uno, per me, significa lasciare un figlio sulla porta dell'orfanotrofio. 

 

 

 

 

SE NON VISUALIZZI LO SLIDESHOW, CLICCA QUI E CONTINUA MANUALMENTE

 

VINCENT                          Don Mc Lean