Tutto ciò che una volta si scriveva su profumati e galeotti bigliettini, oggi lo si fa  così:  intasando la rubrica del cellulare con centinaia di sms del tipo TVB, TVTB o con entiecologici messaggi murali come quelli riportati sotto. 

Nonostante la faccia tosta delle nuove generazioni, forse la timidezza è invece aumentata. Manca il coraggio di dire certe cose verbalmente o al telefono e si manifesta il proprio stato d'animo verso altre persone in questo modo anonimo.  Senza coraggio, ma con tanto estro ed originalità.

L'importante è che certe cose si continuino a scriverle, con qualunque mezzo.

    

Diffidate dei gabinetti senza scritte sui muri

(Bob Dylan)

 

 

 

 

 

Ogni tanto c'è qualcosa di futile che facciamo (specialmente noi catanesi) invece di impiegare il tempo in cose più serie o, al limite, non far proprio niente...... oppure riposarci. E cioè mettersi in macchina con la calura pomeridiana per una missione precisa: percorrere chilometri in cerca della preda da avvistare, girare in quartieri "residenziali" magari col rischio di giustificare quel gesto a gente poco raccomandabile che ti può prendere a calci nel sedere od essere fermato dalla forze dell'ordine perchè non capiscono quel che stai facendo.

Finalmente individuare il muro che ricordi e al quale pensi da un giorno e una notte.  Poi fermarsi lì in contemplazione, davanti a qualcosa che sembra  il mausoleo di Lenin, a due passi da quello che c'è scritto sopra e che deve essere assolutamente immortalato,  ad ogni costo. Fotografare l'ambito premio, editarlo al computer, pubblicarlo.

 

Ebbene, a Catania tutto questo si chiama .......sbaddu.  

 

 

 

Mi permetto di sottoporre alla vostra attenzione questo breve sonetto d’amore, che, pur nella sua apparente brevità di contenuti e banalità di concetti, si segnala invece per la sua straordinaria poeticità.
Dal punto di vista della metrica, il sonetto è composto da un verso pentasillabo, o quinario, e da due trisillabi in successione (trinario): LU-I-E’-MI-O; AB-BO-LA; SCU-PI-NA.
Poesia e innovazione di contenuti si fondono in appena undici sillabe. Shakespeare in confronto era babbalecco.
In un’epoca contraddistinta da tradimenti e promiscuità tra uomo e donna, complice anche un uso distorto dei social network, che alimenta certamente la difficoltà ad impegnarsi in un rapporto serio, maturo e duraturo, l’autrice contrappone, ribadendolo, il sentimento dell’appartenenza e del possesso a quello della protezione della “cosa propria”, di verghiana memoria.
L’autrice, superando dogmaticamente l’antica usanza di tirarsi i capelli tra donne, invita la rivale in amore a lasciar perdere il proprio amato: non “uottìnni” o “scoffa” o “non ti fari avviri chiui”, immagini e parole che dal punto allegorico avrebbero palesato il timore di un ritorno. Ma “abbola”, cioè letteralmente “vola via lontano”.
La chiosa finale conclude l’unicità di pensiero. L’insulto come sciabolata finale di un duello a livello semantico. “Scupina”. Variante dialettale al femminile di “scopino”, piccola scopa, arnese destinato alla pulizia del gabinetto. Degno di pregio è l’uso consapevole della gerarchia dell’offesa.
L’autrice vuole dire alla rivale: “tu non sei un cesso, tu sei qualcosa di peggiore del cesso, tu sei ciò che viene utilizzato per pulire il cesso dalle sue impurità, tu sei addirittura peggio delle impurità del cesso”.
E quel punto finale, in un epoca in cui la punteggiatura è soppiantata dagli emoticon e dai puntini di sospensione buttati a sistiare. Quel punto diventa concetto. Ed il concetto è: non ho più nulla da dire e tu, mia rivale, non puoi aver più nulla da dire.
Ecco, se una donna fosse capace di elaborare simili concetti per me, io mi presenterei domenica stessa con un tabarè di “Quaranta” a casa dei suoi per chiedere la sua mano.

 

Mattia Iachino Serpotta

http://mattiaserpotta.wordpress.com/

 

 

Viale L. Bolano - Catania

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

PURA GENIALITA' MARCA LIOTRU

 

 

 

 

... nel senso più spontaneo, giocherellone, ruspante, ingenuo, castigato, affettuoso, pittoresco e folcloristico... del termine.

Un riconoscente omaggio a... quell'affare là.                  Fotografia scattata a Picanelly Circus

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qualora i visitatori fossero interessati alla pubblicazione di originali scritte murali nonchè estrosi, romantici

e spiritosi messagg, prego di volerli inviare allo scrivente imbucandoli sotto.

 

 

Mimmo Rapisarda

 

 

       

 

THE WINNER TAKES IT ALL                  Abba