Partita   Gol Rigore
Squadra  
Pt
C F T C F T RF RC
G V N P G V N P G V N P M.I. R S R S R S T R T R
milan 82 19 13 4 2 19 11 6 2 38 24 10 4 6 42 12 23 12 65 24 6 5 2 0
inter 76 19 15 3 1 19 8 4 7 38 23 7 8 0 48 20 21 22 69 42 6 5 5 3
napoli 70 19 12 4 3 19 9 3 7 38 21 7 10 -6 33 15 26 24 59 39 10 7 5 5
udinese 66 19 11 4 4 19 9 2 8 38 20 6 12 -10 27 16 38 27 65 43 7 5 8 2
lazio 66 19 13 3 3 19 7 3 9 38 20 6 12 -10 31 15 24 24 55 39 5 4 6 6
roma 63 19 11 5 3 19 7 4 8 38 18 9 11 -13 31 18 28 34 59 52 13 11 7 7
juventus 58 19 8 6 5 19 7 7 5 38 15 13 10 -18 35 31 22 16 57 47 5 4 4 3
palermo 56 19 11 3 5 19 6 2 11 38 17 5 16 -20 33 28 25 35 58 63 4 2 9 8
fiorentina 51 19 9 6 4 19 3 9 7 38 12 15 11 -25 28 18 21 26 49 44 4 3 4 2
genoa 51 19 10 3 6 19 4 6 9 38 14 9 15 -25 29 24 16 23 45 47 3 2 2 2
chievo 46 19 6 8 5 19 5 5 9 38 11 13 14 -30 15 13 23 27 38 40 2 1 5 4
parma 46 19 7 7 5 19 4 6 9 38 11 13 14 -30 21 16 18 31 39 47 3 3 10 8
catania 46 19 11 4 4 19 1 6 12 38 12 10 16 -30 27 19 13 33 40 52 3 3 6 3
cagliari 45 19 8 3 8 19 4 6 9 38 12 9 17 -31 27 23 17 28 44 51 2 1 5 4
cesena 43 19 7 5 7 19 4 5 10 38 11 10 17 -33 17 21 21 29 38 50 5 4 5 4
bologna 42 19 7 7 5 19 4 5 10 38 11 12 15 -31 17 20 18 32 35 52 4 1 4 3
lecce 41 19 7 5 7 19 4 3 12 38 11 8 19 -35 28 29 18 37 46 66 5 2 5 4
sampdoria 36 19 5 6 8 19 3 6 10 38 8 12 18 -40 21 21 12 28 33 49 8 7 2 2
brescia 32 19 6 5 8 19 1 6 12 38 7 11 20 -44 22 24 12 28 34 52 6 5 3 2
bari 24 19 2 6 11 19 3 3 13 38 5 9 24 -52 12 28 15 28 27 56 8 5 12 8
CLASSIFICA MARCATORI
28 di natale a. (udinese),
26 cavani e. (napoli),
21 eto'o s. (inter),
20 matri a. (juventus),
19 di vaio m. (bologna),
17 pazzini g. (inter),
15 totti f. (roma),
14 ibrahimovic z. (milan), pato a. (milan), robinho r. (milan),
13 floro flores a. (genoa),
12 caracciolo a. (brescia), gilardino a. (fiorentina), sanchez a. (udinese),
11 borriello m. (roma), hamsik m. (napoli), hernanes a. (lazio), pastore j. (palermo), pellissier s. (chievo),
10 vucinic m. (roma),
9 crespo h. (parma), jimenez l. (cesena), miccoli f. (palermo), palacio r. (genoa), quagliarella f. (juventus), zarate m. (lazio),
8 acquafresca r. (cagliari), bogdani e. (cesena), cassano a. (milan), del piero a. (juventus), di michele d. (lecce), floccari s. (lazio), ilicic j. (palermo), maxi lopez g. (catania), pinilla m. (palermo),
7 amauri c. (parma), cambiasso e. (inter), cerci a. (fiorentina), giaccherini e. (cesena), giovinco s. (parma), krasic m. (juventus),
6 corvia d. (lecce), diamanti a. (brescia), eder c. (brescia), kozak l. (lazio), lavezzi e. (napoli), mauri s. (lazio), moscardelli d. (chievo), nene' a. (cagliari), pozzi n. (sampdoria), silvestre m. (catania),
5 bergessio g. (catania), conti d. (cagliari), d'agostino g. (fiorentina), guberti s. (sampdoria), jeda j. (lecce), maccarone m. (sampdoria), milito d. (inter), parolo m. (cesena), pepe s. (juventus), stankovic d. (inter), toni l. (juventus),
4 barreto p. (bari), bovo c. (palermo), cossu a. (cagliari), denis g. (udinese), gomez a. (catania), iaquinta v. (juventus), maggio c. (napoli), marchisio c. (juventus), mascara g. (napoli), motta t. (inter), mutu a. (fiorentina), nocerino a. (palermo), olivera r. (lecce), ramirez g. (bologna), santana m. (fiorentina), seedorf c. (milan), simplicio f. (roma), sneijder w. (inter), vargas j. (fiorentina),
3 benatia m. (udinese), bertolacci a. (lecce), biava g. (lazio), boateng k. (milan), bojinov v. (parma), britos m. (bologna), candreva a. (parma), cesar b. (chievo), giacomazzi g. (lecce), gimenez h. (bologna), grandolfo f. (bari), hernandez a. (palermo), inler g. (udinese), ljajic a. (fiorentina), lodi f. (catania), ofere e. (lecce), palladino r. (parma), perrotta s. (roma), piatti i. (lecce), ranocchia a. (inter), rocchi t. (lazio), rudolf g. (bari), zaccardo c. (parma),
2 aquilani a. (juventus), armero p. (udinese), asamoah k. (udinese), bacinovic a. (palermo), balzaretti f. (palermo), bentivoglio s. (bari), boselli m. (genoa), burdisso n. (roma), canini m. (cagliari), cannavaro p. (napoli), chevanton e. (lecce), chiellini g. (juventus), constant k. (chievo), cordova n. (brescia), de rossi d. (roma), destro m. (genoa), dias a. (lazio), domizzi m. (udinese), fernandes g. (chievo), flamini m. (milan), gattuso g. (milan), ghezzal a. (bari), hetemaj p. (brescia), huseklepp e. (bari), inzaghi f. (milan), isla m. (udinese), juan s. (roma), ledesma p. (catania), loria s. (roma), malonga d. (cesena), mandelli d. (chievo), mannini d. (sampdoria), marcolini m. (chievo), menez j. (roma), mesbah d. (lecce), mesto g. (genoa), migliaccio g. (palermo), milanetto o. (genoa), montolivo r. (fiorentina), munari g. (lecce), nagatomo y. (inter), nainggolan r. (cagliari), okaka s. (bari), paloschi a. (genoa), pandev g. (inter), paponi d. (bologna), parisi a. (bari), rafinha m. (genoa), rossi m. (genoa), sardo g. (chievo), sculli g. (lazio), terlizzi c. (catania), thereau c. (chievo), zapata c. (udinese), zoboli d. (brescia), zuniga j. (napoli),
1 accardi p. (brescia), alvarez e. (bari), ambrosini m. (milan), antenucci m. (catania), antonelli l. (genoa), bega f. (brescia), biabiany j. (sampdoria), biondini d. (cagliari), bogliacino m. (chievo), bonucci l. (juventus), brighi m. (roma), budan i. (cesena), camporese m. (fiorentina), capuano c. (catania), caputo f. (bari), caserta f. (cesena), castillo j. (bari), ceccarelli l. (cesena), chivu c. (inter), colucci g. (cesena), coppola m. (lecce), corradi b. (udinese), coutinho p. (inter), dainelli d. (genoa), dallamano s. (brescia), de silvestri l. (fiorentina), diamoutene s. (lecce), donadel m. (fiorentina), donati m. (bari), dossena a. (napoli), dzemaili b. (parma), ekdal a. (bologna), fabiano m. (lecce), gamberini a. (fiorentina), gastaldello d. (sampdoria), gazzi a. (bari), goian d. (palermo), gonzalez a. (lazio), granoche p. (chievo), grossmuller c. (lecce), kaladze k. (genoa), kharja h. (inter), kone p. (brescia), kurtic j. (palermo), kutuzov v. (bari), lazzari a. (cagliari), ledesma c. (lazio), legrottaglie n. (juventus), llama e. (catania), lucarelli a. (parma), lucarelli c. (napoli), lucio f. (inter), maicon d. (inter), marchionni m. (fiorentina), masiello a. (bari), meggiorini r. (bologna), melo f. (juventus), mexes p. (roma), modesto f. (parma), morimoto t. (catania), morrone s. (parma), mudingayi g. (bologna), muntari s. (inter), palombo a. (sampdoria), pasqual m. (fiorentina), pazienza m. (napoli), pesce s. (catania), pinzi g. (udinese), pirlo a. (milan), pizarro d. (roma), portanova d. (bologna), pulzetti n. (chievo), ragatzu d. (cagliari), ricchiuti a. (catania), rigoni l. (chievo), rivas e. (bari), rosi a. (roma), rosina a. (cesena), sammarco p. (cesena), schelotto e. (catania), sosa j. (napoli), strasser r. (milan), thiago silva e. (milan), tissone f. (sampdoria), uribe f. (chievo), volta m. (sampdoria), ziegler r. (sampdoria),

 

INTER – All: Rafa Benitez - Team:  Julio Cesar; Maicon, Lucio, Samuel, Chivu; Stankovic, Cambiasso, J. Zanetti, Thiago Motta; Eto’o, Milito; MILAN – All: Massimiliano Allegri - Taam: Abbiati; Zambrotta, Thiago Silva, Nesta, Antonini; ROBINHO, Pirlo, Ambrosini; Ronaldinho; Pato, IBRAIMOVICH; JUVENTUS – All: Gigi Del Neri - Team:  Buffon (STORARI); Grygera, Chiellini, BONUCCI, Grosso; MARTINEZ, Sissoko, Felipe Melo, QUAGLIARELLA; Del Piero (Iaquinta), Amauri. ROMA – All: Claudio Ranieri - Team: Doni; Cassetti, Mexes, Juan, Rijse; Taddei, De Rossi, Pizarro, SIMPLICIO; Vucinic,Totti
SAMPDORIA – All: Domenico Di Carlo - Team: CURCI; Zauri, Accardi, Lucchini, Stankevicius; Padalino, Palombo, Sammarco, Mannini; Cassano; Pazzini. FIORENTINA – All: Sinisa Mihajlovic - Team:  Frey; De Silvestri, Pasqual, Gamberini, Felipe; Zanetti, D’AGOSTINO, Montolivo, Marchionni, Jovetic, Vargas; Gilardino. PALERMO – All: Delio Rossi - Team:  Rubinho; Cassani, Kjaer, Bovo, Balzaretti; Migliaccio, Liverani, Bertolo, Pastore; Miccoli, Cavani. GENOA – All: Giampiero Gasperini - Team:  SORRENTINO; Papastathopulos, Biava, Bocchetti; Rossi, Karjà, Zapater, Criscito; MEGGIORINI, Palacio, TONI
PARMA – All: Pasquale Marino - Team: Mirante; Della Fiore, Castellini, Panucci, Zenoni; Dzemaili, Morrone, Galloppa, PAONESSA; Paloschi, Bojinov, CHIEVO – All: Stefano Piol - Team:  Squizzi; Frey, Morero, Mandelli, Mantovani, Ariatti; Rigoni, Marcolini, Bentivoglio; Pellissier, Bogdani. CAGLIARI – All: Pierpaolo Bisoli - Team:  Marchetti; Agostini, Astori, Canini; Pisano, Biondini, Conti, Barone, Cossu; Jeda, Nenè BOLOGNA – All: Franco Colomba Team : Viviano; Raggi, Portanova, Britos, Lanna; Casarini, Mingazzini, Guana, Valiani; Gimenez; Di Vaio;
E C'E' BISOGNO?


UDINESE – All: Francesco Guidolin - Team: Handanovic; MOTTA, Zapata, Lukovic, Pasquale; Inler, Sammarco, Asamoah; VYDRA, Di Natale, Corradi; BARI - All. Ventura - Team: Gillet; Masiello, Ranocchia, Stellini, Parisi; Gazzi, Alvarez, Almiron, S.Masiello; Langella, Barreto.
NAPOLI – All: Walter Mazzarri - Taam:  De Sanctis; Santacroce, Cannavaro, Campagnaro, Vitale; Zuniga, Cigarini, Hamsik; Maggio, CAVANI, Lavezzi.
LAZIO – All: Eddy Reja - Team: Muslera; Lichtsteiner, Kolarov, Cribari, Stendardo; Brocchi, Ledesma, Mauri; Foggia, Zarate, Rocchi. BRESCIA – All: Giuseppe Iachini - Team:_ Arcari; De Maio, Bega, Martinez; Lopez, Cordova, Baiocco, Vass, Zambelli; Possanzini, Caracciolo; LECCE – All: ? - Team: Rosati; Angelo, Fabiano, Ferrario, Mazzotta; Giacomazzi, Munari, Vives; Defendi, Di Michele, Marilungo; CESENA – All: Massimo Ficcadenti - Team:  Antonioli; Lauro, Volta, Ceccarelli, Colucci; Do Prado, Parolo, Piangerelli; Segarelli, CASERTA, Malonga;

 

 

 

 

   

PORTIERE PORTIERE PORTIERE DIFENSORE DIFENSORE
DIFENSORE

DIFENSORE

DIFENSORE DIFENSORE DIFENSORE
DIFENSORE

DIFENSORE

Simone Pesce DIFENSORE (rientro dall'Ascoli) Raphael Martinho  CENTROCAMPISTA (Paulista) Matias Schelotto, esterno destro proveniente dal cesena in Gennaio
CENTROCAMPISTA CENTROCAMPISTA CENTROCAMPISTA CENTROCAMPISTA CENTROCAMPISTA
ATTACCANTE Alejandro Gomez "Papu"  CENTROCAMPISTA (San Lorenzo) Francesco Lodi,  centrocampista proveniente a Gennaio dal Frosinone CENTROCAMPISTA ATTACCANTE
                                                                     ATTACCANTE

Gonzalo Bergessio, attaccante proveniente a Gennaio dal St. Etienne

 

ANDUJAR 5,5 Non arriva alla sufficienza la stagione del portiere rossazzurro. Un rendimento altalenante, con poche impennate e più d’un calo. In diverse occasioni è stato al centro delle critiche per interventi non ottimali e diverse reti concesse agli avversari, non certo impossibili da evitare. Raggiunge il picco in Catania-Genoa, gara nella quale fa un paratone su Rossi da due passi, prima di neutralizzare un rigore a Veloso, consegnando di fatto tre punti d’oro al Catania. Poca esplosività e scarsa sicurezza nelle uscite alte, questo è ciò che può essere maggiormente rimproverato a chi, ad ogni modo, spera di poter giocare la Coppa America con la propria nazionale a luglio. Difficile una sua riconferma in rossazzurro per la prossima stagione.

 

ALVAREZ 5 Irriconoscibile. Ha cercato per tutta la stagione la condizione atletica ottimale, fondamentale perché uno come lui possa rendere al massimo. Ma il top della forma non è mai arrivato, e le prestazioni il più delle volte ne hanno risentito. Poche le prestazioni all’altezza della fama costruitasi appena un’annata fa. Di più le incertezze, due maldestre espulsioni all’attivo, un pizzico di recidiva ingenuità e mancanza di verve nel proporsi in sortite offensive.

 

SILVESTRE 8 La stagione della consacrazione definitiva. Ha dimostrato di aver raggiunto la piena maturità, dopo quattro stagioni da titolare in un campionato che ormai padroneggia. Impressionante per continuità di rendimento, sempre sostenuto da un’eccellente condizione fisica (ha saltato solo due partite, di cui una per squalifica). Le perle però sono, senza dubbio, le sei marcature messe a segno, che lo eleggono vice bomber di squadra. Capitano dopo l’addio di Mascara. Una sua partenza sarebbe, insieme a quella di Maxi, la prima fondamentale tessera da rimpiazzare a dovere.

 

SPOLLI 7 La differenza rispetto a Silvestre la fanno quasi esclusivamente i gol. Nessuno per l’altro pilastro della difesa rossazzurra, che però ha messo in cascina un altro anno d’esperienza nel nostro campionato, condito da un rendimento sempre su standard medio-alti. Anche quest’anno è stata una roccia, ispiratrice di sicurezza per tutto il reparto. Solo qualche acciacco di troppo, che alla fine della stagione gli fa contare 25 presenze su 38 gare.

 

CAPUANO 6 Conclude la stagione in rossazzurro che lo ha visto meno impiegato del solito. Ben 15 le assenze, tutte per malanni fisici. Quando c’è stato ha avuto sempre il privilegio di prima scelta sulla fascia mancina. Il suo picco nel match del Meazza contro il Milan, quando segna l’illusorio vantaggio con un sinistro al volo leggendario, da oltre trenta metri. Goduria pura. Un rendimento onesto, fatto di tantà volontà nonostante qualche amnesìa di troppo sia stata pagata a caro prezzo in alcune circostanze. Ad ogni modo non ha una alternativa di spessore, dunque la sua presenza risulta importante nel pacchetto arretrato.

 

MARCHESE s.v. Spirito di sacrificio e volontà. Le poche volte che è stato chiamato in causa (11 presenze in campionato) non si è mai risparmiato, pur con i suoi limiti.

 

TERLIZZI 6 Stagione quasi fotocopia alla precedente. Panchinaro fisso, per un certo periodo ai margini della squadra per dissidi interni. Ma sempre e comunque pronto nel momento della chiamata in causa. Continuano le ruggini con una certa frangia della tifoseria, lui tira avanti e risponde con i fatti. All’attivo anche due gol: uno inutile a Palermo, l’altro decisivo nella vittoria casalinga con il Bari.

 

POTENZA 5,5 Un’inizio quasi disastroso, poi l’infortunio e la panchina, fino al ritorno importante nel rush finale. Tra lui e Alvarez la fascia destra non ha avuto un vero padrone quest’anno. Sempre molto generoso, meglio in fase difensiva che propositiva, ma non il massimo della continuità.

 

BELLUSCI s.v. Di cristallo. Altra stagione passata più in infermeria che sui campi. Solo 9 presenze, tutte buone prestazioni, ma troppo poco per essere giudicato.

 

AUGUSTYN s.v. Seconda linea dall’inizio alla fine. Appena 7 volte in campo, con le solite incertezze. Comunque non giudicabile la sua stagione.

 

LEDESMA 5 Il grave infortunio è ormai un ricordo. Ma se ha dimostrato d’aver superato del tutto il trauma a livello psicologico non risparmiando mai entrate dure e contrasti, non si può dire che lo abbia fatto sotto il profilo del rendimento. Mai più si è vista la mezzala efficace e produttiva del primo anno in rossazzurro. E questo a dispetto della generosità, mai fatta mancare in campo. Nonostante tutto, e causa anche le numerose assenze che per tutto l’anno hanno falcidiato il reparto di centrocampo, risulta il mediano più utilizzato con ben 32 presenze in campionato. All’attivo anche due un gol, nella goleada che ha sommerso il Palermo al Massimino e nell'inutile passerella con l'Inter.

 

LLAMA 5 Si può fare lo stesso discorso fatto sopra. Un grave infortunio quando era al top, dal quale non si è ancora ripreso. Mai o quasi è apparso in condizioni atletiche ottimali, ed il rendimento è stato spesso sotto le aspettative. L’attenuante della lungodegenza può essere a stento accettato per adesso, non di certo per la prossima stagione. E’ riuscito comunque a dare il suo contributo, siglando uno dei gol più belli della stagione castiga-Samp, in un match casalingo delicatissimo che sapeva tanto di spareggio.

 

BIAGIANTI s.v. Un anno che avrebbe dovuto proiettarlo in orbita si è trasformato in un calvario. Solo 15 presenze, per lui che era al passo d’addìo ed invece è rimasto in rossazzurro la scorsa estate. Quando ha giocato lo ha fatto sempre in condizioni fisiche precarie (e non si è mai saputo pubblicamente), fino alla sosta forzata per diversi mesi. Se non ci saranno fulmini a ciel sereno in sede di mercato lo attende un futuro prossimo da capitano.

 

CARBONI 6,5 Encomiabile come sempre. Ha portato la croce di un reparto deficitario, sobbarcandosi per mesi l’incombenza di fare legna e provare anche a dettare i tempi come quel regista che non è. Esempio di sacrificio e dedizione, saremmo bugiardi a dire che solo una volta si sia risparmiato in corsa, sudore e fatica. A lui va un plauso in più perché ha onorato una maglia che già sapeva di dover lasciare a giugno. Poteva sedersi sulla sella e mollare, invece si è issato sui pedali continuando a spingere fino all’ultimo. Saluterà Catania da gladiatore vincitore, e da uomo vero. Grazie Vichingo.

 

RICCHIUTI 6,5 In prestito la definizione di alcuni colleghi: ha sette vite come i gatti. Dato sempre per spacciato, con le valigie in mano o non visto dal tecnico di turno, ha trovato ancora una volta la chiave per risorgere ed affermarsi come pedina indispensabile. Il film della sua stagione sembra la replica di quella precedente. Inizio in sordina, poi a scaldar la panca. A gennaio la cessione pareva di nuovo cosa fatta. E invece è tornato ancora titolare inamovibile, con quelle caratteristiche che lo rendono unico nello scacchiere dell’intero centrocampo catanese. Meno presente in zona gol rispetto a un anno fa (solo una rete stavolta), ma pedina tattica e modo di giocare di fondamentale importanza per tutte le manovre.

 

IZCO 5 Annata da dimenticare. Come Alvarez non è stato nemmeno lontano parente del giocatore che fu un anno fa. Presenze poche e quasi mai all’altezza. Anche diversi problemi fisici, che alla fine gli fanno raggiungere a stento le 17 presenze.

 

PESCE 6 L’esempio del perfetto gregario. Tornato a Catania senza pretesa alcuna d’essere titolare, si è giocato la sue chances con dignità e risultati onesti. Per un breve periodo titolare nell’inedito ruolo di interno di centrocampo con compiti di pressing, trovatogli da Giampaolo a dispetto del suo ruolo naturale di terzino sinistro. Poi tantissima panchina senza mai fiatare, fino al pallonetto dell’apoteosi che ha firmato il poker sul Palermo. All’attivo altri due gol di pregevole fattura in Coppa Italia.

 

MARTINHO s.v. Da rivedere e seguire con attenzione, perché nei pochi sprazzi giocati ha mostrato ottime qualità ma anche qualche lacuna su cui poter lavorare per il futuro. Un infortunio serio lo ha tolto dalla mischia facendogli collezionare solo 11 gettoni.

 

LODI 7 Ecco il primo uomo della provvidenza. Pescato da Lo Monaco a gennaio per dare geometrie e fantasia ad un centrocampo asfittico. Lui per i più era nient’altro che un trequartista del Frosinone (serie B), talentuoso si, ma che ha bruciato il suo lancio nella massima serie perdendosi in pochi mesi sfortunati con la maglia dell’Udinese appena un anno prima. E invece Catania fa il miracolo. Lodi gioca, non più da trequartista ma regista basso. E seppur debba ancora far suo al meglio il nuovo ruolo ed alcune prestazioni non siano esaltanti (Firenze e Bologna su tutte), scrive con il suo mancino due pagine fondamentali per la storia di questo campionato rossazzurro. La doppietta in pochi minuti rifilata su punizione al Lecce (e conseguente vittoria 3-2 in rimonta), insieme alla perla del 95esimo a Torino che uccella Buffon e procura uno dei punti più preziosi di tutta la storia recente del Catania Calcio. Senza voler considerare che il suo tentativo di tiro sullo sciagurato retropassaggio di Balzaretti aveva aperto le danze al 4-0 sui rosanero. Per uno venuto dalla B a stagione in corso è stato forse ogni oltre più felice aspettativa.

 

SCHELOTTO 6,5 Altra carta vincente, arrivata a tragitto iniziato. 13 presenze e un gol, decine di chilometri sulla fascia destra a ridare fiato, gamba e polmoni ad una zona di campo quest’anno quasi mai brillante e produttiva per il gioco del Catania. Non sempre precisissimo nel finalizzare le giocate, ma la mole di giocate fa pensare che il gioco valga la candela.

 

GOMEZ 7 Come sarebbe stato il gioco del Catania quest’anno senza Gomez? In molte gare su cosa avrebbe poggiato la manovra offensiva rossazzurra senza le accelerazioni del Papu? Un giocatore che provoca giudizi contrastanti, perché le sue prestazioni non sono sempre state accompagnate dal massimo dell’efficacia. Insieme a Ricchiuti ha rappresentato per tutto l’anno l’unica fonte di gioco. Unico a provarci sempre, a cercare la porta nei periodi in cui la squadra stentava materialmente a concludere un’azione verso il portiere avversario. Per lui è stato fondamentale il primo anno di ambientamento a ritmi e tattiche italiane. Se saprà metterli a frutto (e c’è da sperarci visto che è un classe ’88) ci sarà da divertirsi negli anni a venire. Funambolico, potrebbe andare ben oltre i 4 gol fatti quest’anno. Se sarà meno innamorato del pallone lieviteranno anche gli assist andati a buon fine. Un giocatore con il suo potenziale e più concreto non potrà che essere una perla da coltivare con cura.

 

MAXI LOPEZ 6 Doveva essere il crack della stagione: alla fine non è arrivata nemmeno la doppia cifra in termini di gol. Per il mestiere che fa i numeri comandano, e questi di certo non lo incensano. In 35 presenze 8 timbri, per un terminale unico da cui tutti si aspettavano sfracelli. Anomala la sua stagione. Nella prima parte il Catania gioca male, molto male. Lui ha chances col contagocce e quando gli capitano quasi sempre sbaglia. Errori banali per lui. Pare una stagione stregata ed allora, dopo aver più volte manifestato disappunto per la solitudine di cui gode in campo, decide di cambiare registro. Lavora molto di più per la squadra, mentre il subentrato Simeone può avvicinargli Gomez ed un Bergessio fondamentale. Maxi continua a fare a sportellate ed ogni tanto qualche gol lo mette a segno. Sacrificio e lavoro di squadra comunque da grande professionista, condite da alcune prestazioni dove pur non trovando la rete ha fatto reparto da solo alla sua maniera. E’ al passo d’addio, e per qualità sarà la pedina più ardua da rimpiazzare.

 

BERGESSIO 7,5 Il secondo uomo della provvidenza. Quel transfert che tardava ad arrivare oggi a Torre del Grifo lo benediranno mille e mille volte. Bergessio ha riscritto il concetto di attaccante a Catania. Una punta mobile, non altissima, ma al contempo poderosa fisicamente, capace di giocare di sponda e proteggere la palla, andare in percussione con la sfera tra i piedi ed inserirsi in profondità dettando la verticalizzazione, preziosissimo e duttile sia sulla fascia che al centro dell’attacco. Promesso al Catania già un anno fa, l’ex St.Etienne è rinato all’ombra dell’Etna dopo la foschia d’oltralpe. Un diesel le sue prestazioni complessive, lievitate fino all’esplosione degli ultimi due mesi. Grande lavoro di raccordo e sacrificio, 5 gol tutti da attaccante puro, memorabile il suo ingresso in campo nel secondo tempo di Juve-Catania, quando sfasciò la fascia destra di difesa del povero Sorensen dando il là alla remuntada con l’assist a Gomez. Riconfermarlo sarebbe un importante tassello per l’anno che verrà.

 

MORIMOTO s.v. Come se quest’anno non ci fosse stato. Tanta panchina, anche tribuna, pochissimo campo. 11 presenze e un gol. Rimandato a tempi migliori, anche se è giunto il momento di valutare bene il suo futuro e le prospettive di una eventuale permanenza a Catania.

 

All. GIAMPAOLO 5 Classico esempio dove più d’ogni cosa contano i distinguo tra numeri ed espressioni di campo. Giampaolo è stato sollevato dal suo incarico lasciando in dote un Catania con 21 punti, poco fuori la zona retrocessione e con una espressione di gioco tra le più brutte dell’intera serie A. Basterebbe questo ad aprire un dibattito pressoché infinito, ma i dati di fatto sono due. Il primo è che, sotto il profilo numerico, l’ex tecnico di Siena e Cagliari, ha fatto a Catania tanto quanto gli era stato richiesto. Il secondo è che la squadra con lui al timone, aveva assunto un atteggiamento ed un modo di approcciare e condurre le partite che in certe occasioni è stato davvero sconcertante. Per non dimenticare una pianificazione atletica della stagione sui generis, che per buona parte della stagione ha visto il Catania crollare sistematicamente nei secondi tempi di tutte le partite. Momenti di gioco in cui dilapidava caterve di punti. Da qui la spinta della società a cambiare direttore d’orchestra, nonostante le cifre dessero, senza però strabordare, ragione all’operato del tecnico. Che stando ai piani estivi doveva oltremodo godere di enorme stima da parte dell’entourage rossazzurro, se è vero che aveva siglato un contratto quadriennale.

 

SIMEONE 6,5 E’ fuor di dubbio che sotto tanti punti di vista non si è assistito ad un Mihajlovic bis. Evidentemente però non c’erano le condizioni. Simeone ha ereditato come il serbo una squadra più o meno a metà campionato. Con la differenza però d’aver ricevuto in dote non i 12 miseri punti di Atzori un anno fa, ma il ben più rispettabile bottino di 21 costruito durante l’interregno Giampaolo. Altra dissonanza con l’anno passato è stata la condizione generale degli uomini. A Mihajlovic è bastato meno di un mese per ritrovarsi tra le mani, atleticamente parlando, una polveriera. I rossazzurri esplosero da inizio gennaio in poi, correndo fino a fine stagione il triplo di qualsiasi altra compagine. Frutto di un lavoro condotto da Atzori ed il suo staff, poi raccolto da Mihajlovic e soci. Il Cholo sotto lo stesso aspetto ha invece prima dovuto ricomporre nervi ed autostima di un gruppo col morale sotto i tacchi (come Sinisa), e poi ha dovuto reimbastire una preparazione nella preparazione. Nel senso che la squadra a gennaio mostrava picchi atletici bassissimi, e chissà dove si sarebbe arrivati da lì a poche settimane senza l’avvento di un tecnico diverso da Giampaolo. I risultati si sono visti alla distanza, perché non è stato certo subito che i rossazzurri sono riusciti a capovolgere partite nei secondi tempi ed a segnare nei minuti conclusivi. La trasformazione più evidente c’è stata sotto il profilo caratteriale. Anzi l’inizio è stato duro, durissimo con il Cholo che in un certo preciso momento ha addirittura rischiato di far franare il lavoro prima di poter entrare nel vivo. Ha avuto i suoi legittimi tempi di adattamento per conoscere i giocatori e studiare il modo di approcciare le gare tatticamente italiano (non da giocatore qual è stato ma da tecnico). Con lui si è però visto da subito più mordente e determinazione. Il tutto a dispetto di una brillantezza di gioco praticamente mai avuta se non a sprazzi. Ma qui c’è stata la bravura dell’ex centrocampista di Inter e Lazio, abile nel capire che se si voleva raggiungere l’obiettivo si dovevano mettere nel cassetto i sogni di gioco tutto velocità, champagne e bollicine. Altra fondamentale abilità del mister è stata la scelta quasi sempre azzeccata dei cambi in corsa. A parte rare eccezioni, da un certo momento in poi gli interventi in corso d’opera sono risultati decisivi in meglio per il Catania. E la lettura dei match in svolgimento con conseguenti innesti decisivi è da sempre una delle doti più ricercate tra i tecnici. Cosa può non aver convinto allora del Cholo? Probabilmente quella personalità, sfrontatezza e cinismo necessarie per sapersi imporre in trasferta sono rimaste doti pressoché sconosciute anche al Catania di Simeone. E’ chiaro però che questa è una diagnosi che viene stilata ogni anno ai rossazzurri, che rappresentano una squadra prettamente casalinga. E come tale, a questo punto, va intesa, ovvero come limite dei giocatori e del gruppo in sé, se è vero che dopo Pasquale Marino, nessun altro tecnico è riuscito a guarire il Catania dalla “trasfertite”.

 

SOCIETA’ 7,5 Il gioiello del tanto atteso centro sportivo mette il sigillo sull’ennesima stagione da ricordare. Ma al di là delle imprese e del valore che una struttura unica in Europa come Torre del Grifo ha e potrà avere per il Catania e per Catania, sul campo resta un piccolo grande capolavoro che è impossibile non riconoscere. A gennaio sono stati pescati tre assi, tutti e tre perfettamente corrispondenti alle esigenze che una squadra in palese difficoltà lamentava. Schelotto, Lodi e Bergessio, parallelamente al lievitare delle prestazioni collettive, stanno a significare un pezzo sostanzioso di salvezza rossazzurra. Lo dicono i fatti corroborati dai numeri. L’unica pecca riconoscibile a Pulvirenti e soci è quella d’aver ad inizio anno tacciato questo Catania come il più forte da quando milita in A con questa guida societaria. A dispetto dei punti conquistati questo Catania non era il migliore, e non lo sarà fin quando non sarà in grado di conquistare quantomeno tre-quattro vittorie in trasferta a stagione. Inequivocabile segno di carisma e personalità, ovvero di quel salto di qualità che tutti amano immaginare sempre più vicino.

 

 

 

 

Andrea Catellani (Sassuolo) Federico Moretti (Ascoli) Jorge Martinez (Juventus) Gennaro Sardo (Chievo)

 

 

PARTENZE A GENNAIO

 

sigh! (Estudiantes in prestito con diritto di riscatto) 

(Atalanta ...come sopra . Mah! contenti loro...)

 

(rientrato dall'Ascoli, e poi al Torino ...come sopra . La sua giusta dimensione.)

(al Napoli a titolo definitivo - stavolta contenti loro davvero!)

 

 

 

ALLENATORE

ALLENATORE IN 2°

PREPAR. ATLETICO

PREPAR. PORTIERI

DIRETTORE SPORTIVO

TEAM MANAGER MEDICO SOCIALE MASSAGGIATORE MASSAGGIATORE RESPONSAB. STAMPA

PUBBLICHE RELAZIONI MAGAZZINIERE COLLABORATORE AMM. DELEGATO PRESIDENTE

 

 

 

E QUELLI FINO AL 18 GENNAIO 2011

ALLENATORE ALLENATORE IN 2° PREP. ATLETICO PREP. PORTIERI

 

... non vi fatici viriri cchiù! Facisturu troppu dannu!

 

 

 

 

 

 

Calcio Catania s.p.a.
Via Ferrante Aporti  95129 Catania
tel: 095-75.30.811 fax: 095-72.25.480
www.calciocatania.it

 

AREA DIRETTIVA

Presidente del Calcio Catania: Antonino Pulvirenti
Vice Presidente: Angelo Vitaliti
Presidente Onorario: Ignazio Marcoccio
Amministratore Delegato: Pietro Lo Monaco
Presidente collegio sindacale: Prof. Vincenzo Patti
Sindaci Rag. Giuseppe QuattrocchiSindaci Avv. Gianmarco Abbadessa
Consulente Legale: Avv. Giulia Nicolosi
Consulente Legale: Avv. Michele Scacciante
Consulente Legale: Avv. Piero Amara

Dirigente alle pubbliche relazioni: Giuseppe Franchina
Team Manager: Orazio Russo
Segretario Generale: Claudio Cammarata
Responsabile Amministrativo: Carmelo Milazzo
Direttore Marketing e Comunicazione: Maurizio Ciancio
Dirigente Respon. Commerciale e Marketing: Antonio Carbone

Responsabile Comunicazione e Stampa: Angelo Scaltriti
Responsabile Area Web e Grafica: Fabio De Luca
Fotografo Ufficiale: Filippo Galtieri
Direttore Responsabile Magazine Ufficiale: Alberto De Luca
Responsabile Catania Point: Luana Paladino
Segretaria: Grazia Vinci
Responsabile Sicurezza e Impianti Sportivi: Arturo Magni
Collaboratore della Società: Antonio Pennisi

Valore aggiunto se resta suo marito: Wanda Nara            

AREA TECNICA

Giuseppe Bonanno Direttore Sportivo
Marco Giampaolo Allenatore Prima Squadra
Fabio Micarelli Allenatore in Seconda
Prof. Roberto Peressutti Preparatore Atletico
Emilio Tuccella Preparatore dei Portieri
Lorenzo Rubinacci Collaboratore tecnico
Marco Onorati Coordinatore dello staff tecnico dei Preparatori dei Portieri
Alessandro Musumeci Magazziniere Prima Squadra

AREA MEDICA
Dott. Mauro Sammarco Medico Sociale
Dott. Francesco Riso Medico Sociale
Dott. Alfio Scudero Medico Sociale
Salvatore Runza Fisioterapista
Salvatore Libra Massaggiatore

Carmelo Cotroneo Massaggiatore

 

 

 

 

 

 

 

 

UN BENE CHE I CATANESI DOVREBBERO SEMPRE TUTELARE, QUALSIASI COSA ACCADA. PERCHE' SENZA QUESTA SOCIETA'  (VEDENDO QUEL CHE HA COSTRUITO DANDO, AL CONTEMPO, UNA LEZIONE DI EFFICIENZA AI NOSTRI AMMINISTRATORI), NON C'E' PROPRIO NESSUN'ALTRA ALTERNATIVA. SAREMMO SOLI, E PRESTO A SOLCARE I CAMPI DI TERRA BATTUTA!

 

“Carissimo Catania, saremo sempre con te”

Lo giurano le 'Liotrine' rossazzurre

Dopo cinque densi giorni tra sala gessi, pronto soccorso e camera operatoria, nel santo week-end le provo tutte pur di inseguire il relax. Impossibile evadere, poi, dal mondo pallonaro se questo strano oggetto sferico a spicchi bianconeri o colorati decide di non lasciarmi in pace. E se, grazie al Cielo, mi mette talvolta in contatto con delle persone belle, sincere e positive.

Loro sono mamme, studentesse, segretarie e impiegate, ma soprattutto supertifose rossazzurre. Ragazze di età diversa, tutte pacate e competenti, che seguono regolarmente il Catania in casa e fuori.

“Un annetto orsono - mi confida Cinzia Trovato, presidentessa delle 'Liotrine - ci affacciamo quasi in punta di piedi a questa realtà ma ci scontriamo con un po' di scetticismo. Quando, lo scorso 14 novembre, alla 'Favorita' di Palermo partecipiamo a una vera e propria vittoria del calcio per qualche tifoso stiamo facendo una gita-pellegrinaggio al Santuario. Andar in trasferta equivale forse a partire in guerra, affrontare il nemico e conquistare una terra straniera? No, per noi è tutt'altro: passione, colore, profumi, odori e soprattutto non oltrepassare i limiti di rispetto e civiltà. Ma d'altronde in questa città le critiche non mancano mai, se è vero che ci rinfacciano perfino di aver aderito alla tessera del tifoso. A chi ci rimprovera che vogliamo metterci in mostra rispondiamo con 'Musica contro la mafia' e 'Un aperitivo contro il cancro', due manifestazioni a cui abbiamo fattivamente collaborato. Ma stiamo aiutando concretamente anche il piccolo Mattia Salomone, un bimbo di San Giovanni la Punta, affetto da tetraparesi spastica ed epilessia e costretto a cure costosissime all'estero. Ci piacerebbe inoltre ottenere l'autorizzazione per accompagnare i pazienti disabili alle partite interne nell'impianto di Piazza Spedini. A quelli che sostengono che abbiamo creato le 'Liotrine' perché subiamo il fascino dei calciatori rispondiamo che ci piacciono personaggi come Ciccio Passiatore o Umberto Brutto, protagonisti di imprese silenziose che hanno dato il là ai successi recenti. Ci dà fastidio sentirci dire che le donne non capiscono nulla di pallone, ma in realtà la nostra passione va oltre i singoli giocatori e la categoria di appartenenza. Per questo amiamo ricordare chi ha scritto pagine fondamentali della nostra storia, come la presidentessa Grazia Codiglione, che ci riportò in C1 nell'estate del 1999”

“Il germe delle'Liotrine' -continua la presidentessa onoraria Alessandra Padellaro- vede la luce grazie alla passione comune per due colori, la stessa che ci unisce a 360 gradi. La nostra associazione nasce da un gruppo molto frequentato sorto su Facebook e da questa genesi virtuale partono le prime riunioni. Organizzarci non è facile ma talvolta anche i progetti irrealizzabili si concretizzano; le iscritte aumentano giorno dopo giorno e il nostro percorso collettivo si fa emozionante. Iniziano continui scambi di idee, che in comune hanno l'amore per una maglia e per una città: capiamo che è per noi impossibile rinunziare alle trepidanti sfide del Catania. Così coroniamo il sogno di esser presenti con gli stendardi raffiguranti il nostro logo al ritiro di Assisi, al 'Massimino' e in trasferta. In più disponiamo di una sede all'interno dell'Ares Hotel di San Giovanni la Punta e di una casa sul web all'indirizzo www.leliotrine.it. E oggi siamo orgogliose di seguire tutte insieme per il quinto anno di fila la nostra squadra nel massimo palcoscenico della serie A. Certo un po' di malumore c'è soprattutto dopo la partenza del mitico Beppe Mascara, anche perché oggi ci pare siano troppi gli argentini in squadra. Crediamo nel valore del legame alla maglia rossazzurra ma non sappiamo se esiste ancora questo concetto nel nostro particolarissimo mondo del 'football'. In ogni caso, anche se stiamo lottando ancora una volta per la semplice salvezza, ci tocca riconoscere che oggi il Calcio Catania non costruisce castelli di carta. Il vertice dirigenziale con a capo il duo Pulvirenti-Lo Monaco non fabbrica specchi per le allodole, al contrario indica in modo chiaro e inequivocabile l'obiettivo principale. Comunque non sta a noi dover sindacare sulle decisioni della gestione o, peggio ancora, far polemica, considerando quali campi di calcio appena dieci anni fa calcava il club dell'Elefante”.

 

Alessandro Russo (da ZONA fRANCA)

 

 

 

IL LORO PROFILO FACEBOOK

 

 

 

 

UN GRAZIE ANCHE A QUESTE ALTRE, ALTRETTANTO BELLE, DONNE:

 

 

 

 

COMPAGNE DI ALCUNI GIOVANOTTI QUI SOTTO

 

 

 

PREVENDITE BIGLIETTI CIRCUITO LOTTOMATICA

A CATANIA E PROVINCIA

 

CORSO INDIPENDENZA 103 - 95122 CATANIA
CORSO DELLE PROVINCE,10/D - 95129 CATANIA
VIA RE MARTINO 185 95021 - ACI CASTELLO (CT)
CORSO ITALIA 224 - 95014 GIARRE (CT)
VIA GARIBALDI 414 95045 MISTERBIANCO (CT)
VIA PRINCIPE NICOLA 54 - 95126 CATANIA (solo ospiti)
VILL. S. AGATA ZONA B, 133/134/135 - 95121 CATANIA

 V.LE MARIO RAPISARDI,711 - 95123 CATANIA

VIA PRINCIPE NICOLA,12 - 95126 CATANIA

CORSO ITALIA N.58 - 95047 PATERNO’ 
VIA ENNA, N. 5 - 95040 RAMACCA (CT)
VIA GALLIANO, 24 - 95018 RIPOSTO (CT)
VIA CARONDA 432/A - 95128 CATANIA
VIA G.FAVA 69 - 95123 CATANIA
VIA OBERDAN 90 - 95129 CATANIA
VIALE S. PANAGIA 174 - 96100 SIRACUSA
CONTRADA FALLIRA - 97100 RAGUSA
P.ZZA LUCIA MANGANO - 95037 SAN GIOVANNI LA PUNTA (CT)

 

 

 

 

 

 

 

 

IL TIFO ETNEO