capitano che risolvi con l'astuzia ogni avventura, ti ricordi di un soldato che ogni volta ha piu' paura. ma anche la paura in fondo mi da' sempre un gusto strano. se ci fosse ancora mondo, sono pronto. dove andiamo?

 

 

 

 

 

Si entra così, superati Riposto (dedicato al traffico mercantile) e la Riserva di Fiume Freddo, in provincia di Messina, ai Giardini di Naxos. Naxos, che fu la prima colonia greca, oggi è dotata di un porticciolo-canale turistico (Molo Foraneo) che nel periodo estivo mette a disposizione dei pontili galleggianti gestiti da privati. Qui i must sono tanti: fare un bagno nelle acque limpide dell’Isola Bella, raggiungere le affascinanti grotte marine di capo S. Andrea, salire in paese a Taormina, visitare il teatro greco e, al tramonto, godere del panorama mozzafiato sulla baia. Basti ricordare che qui sono state girate le scene della sfida siciliana tra i sub Majol e Maiorca nel film “Le grand bleu”.  

 

Efesto, Vulcano per i latini, dio del fuoco e fabbro divino, nacque da Era e Zeus.

Nell' Iliade, Omero ci racconta di come Efesto fosse brutto e di cattivo carattere, ma con una grande forza nei muscoli delle braccia e delle spalle, per cui tutto ciÚ che faceva era di un'impareggiabile perfezione.

Essendo accorso in aiuto della madre Era durante un litigio con Zeus, Efesto dovette subire le ire del padre che, infuriato, lo scaraventÚ gi˜ dall'Olimpo. Nella caduta si fratturò le gambe per cui da quel giorno camminò zoppicando.

Efesto aveva le sue fucine nelle viscere dell' Etna e nelle isole Eolie, a Vulcano e Lipari . I suoi aiutanti erano i Ciclopi monocoli.

Efesto era un fabbro, un artista eccellente,un orafo inimitabile. Tutti gli dei e gli eroi ricorrevano a lui per avere armi invincibili e preziose. La sua fucina però non era sull’Olimpo ma dentro i vulcani e sai perché?….

Quando Efesto nacque era così brutto che la bellissima mamma, Era, lanciò un grido di orrore e non seppe resistere all’impulso di gettarlo via. Lo buttò, dunque, giù dall’Olimpo. Il piccino cadde, continuò a rotolare per un intero giorno ed una notte fino a quando atterrò su un’isola. Era Lemno, l’attuale Sicilia, terra vulcanica, dove abitavano le "ninfe". Il bimbo fu amorevolmente raccolto ed accudito da loro. Amava giocare sull’Etna, era attratto dall’eruzione del monte; gli piacevano il colore delle fiamme, i lapilli che schizzavano via come saette, la lava che, colando giù, creava delle lingue rosse in movimento….Efesto ammirava emozionato ed entusiasta…!

Il grande Zeus, suo padre, commosso dal fatto che era un figlio ripudiato, lo nominò "dio del fuoco" e gli fece costruire la sua officina nel "cratere" dell’Etna dove Efesto lavorava allegramente in compagnia dei Ciclopi.

Il dio del fuoco, qualche volta, quando era più triste e stanco del solito, era tormentato dal fatto che a ridurlo così fosse stata sua madre, quando lo aveva buttato via come un giocattolo rotto. Giorno dopo giorno ideò la sua vendetta.

Preparò per la madre Era un regalo che sembrava bellissimo: era un trono elegante, luccicante, tutto d’oro, tempestato di brillanti e smeraldi scolpito con l’abilità del migliore maestro.

In verità, quando Era vi si sedette, quel trono regale si trasformò in una trappola: era legata da fili invisibili, tenaci, potenti, comandati da un meccanismo infernale che nemmeno il capo degli dei sapeva disinnescare. Tutti gli dei, compreso Zeus, lo supplicarono di slegare la madre. Efesto lo fece ma chiese in cambio di poter abitare anche lui sull’Olimpo come tutti i suoi fratelli. Era sì brutto, ma pur sempre un dio! Zeus accettò, Era fu liberata ed Efesto soddisfatto. Nell’Olimpo però vi rimase per poco tempo perché si trovava meglio tra i suoi Ciclopi.

Ha ispirato scrittori e poeti come Virgilio,Dante,Esiodo.E' di Virgilio il terzo libro dell'Eneide,la magistrale descrizione dell'Etna,così come la Mitologia lega miti al vulcano:Tifeo,il gigante che volle sfidare il Dio Giove nella scalata del cielo,li venne rinchiuso il quale ancora oggi con la sua collera erutta lapilli e lingue di fuoco.

Gli antichi guardavano il monte con paura e rispetto, poiché " li " vi era la dimora di Vulcano, Dio del fuoco e dei Ciclopi. Gli antichi navigatori del Mediterraneo lo conoscevano bene, perché molte volte faceva loro da faro, ed il suo breve nome esiste dagli albori della civiltà.Il suo significato perciò si perde nella notte dei tempi e degli antichi idiomi. Gli Arabi ne rimasero tanto colpiti da definirlo "il monte dei monti"("Mongibello"), la montagna per antonomasia. L'Etna ha circa 500.000 di anni, nata da un fenomeno legato alla divisione dei continenti e allo scontro che avvenne tra la piattaforma tettonica Afro-Asiatica,causò l'espulsione di magma dai fondali marini violentemente dando vita al vulcano cosi come alla catena delle Alpi in Europa e dell' Himalaya in Asia. Nel corso delle ere geologiche L'Etna ha modificato la sua "veste" con le sue notevoli eruzioni, le conosciute sono molte , ma certamente inferiori a quelle realmente avvenute.Dalla storia, già secoli prima della nascita di Cristo si descrive delle attività vulcaniche , negli anni 575 e 396 a.C. Una delle più grandi attività del vulcano, anticipate da terremoti si manifestò nel 1669 dando vita a nuove bocche eruttive che in meno di venti giorni distrusse la cittadina di Nicolosi e parte della città di Catania.Nel 1881, devastante eruzione ebbe luogo nella valle del Bove formando nuovi crateri.

L'Etna, simbolo antropomorfo sessualizzato . Così rievoca l'epopeica conquista di quell'inferno cosmico il poeta Rapisardi, novello Stesicoro di sicule teogoníe.

I Castellucciani videro il vulcano come un elemento soprannaturale e l'affrontarono in senso antropomorfico. La grande voragine centrale assimilarono all'organo vulvare della Terra mater e concepirono il fragore delle sue viscere quale processo segreto di gestazione, e le pietre e i sali minerali da essa generati, vivi e fertili, capaci di procreare a loro volta, allo stesso modo di come essi erano stati generati.

Non per un caso l'Etna è per le popolazioni etnee «a muntagna»: elemento femminile per antonomasia. La sessualizzazione del vulcano è la semplificazione dei fenomeni relativi alla fertilità dei suoli della regione, fecondati dagli umori volatili propagati per lunghissimo raggio.

Al culto neolitico delle pietre era intimamente legato l'altro dell'ascia: attrezzo che fendeva la terra congiungendosi con essa. Testimonianza di tale pratica antropomorfica si rileva nell'ascia levigata di pietra verde trovata nell'isoletta Lachea, luogo in cui in epoca arcaica lo scoglio di mezzo ebbe nome Galatea, simbolo dell'abbondanza delle culture e dove, secondo fonti letterarie pre‑alessandrine, Polifemo personificazione poetica del demos etneo preellenico ‑innalzò alla ninfa marina un santuario a voler sottolineare la fertilità del pascolo dell'Etna. 1 secentisti favoleggiarono essere l'ubicazione di questo tempio nelle contrade a settentrione di Catania e gli connessero il toponimo Licatia, identificando Galatea con la greca Leucotea. Se ne indicavano perfino gli avanzi nelle vigne del monastero benedettino (oggi villa Papale), zona ricoperta poi dalle lave del 1381 che raggiunsero il mare.  

L'Etna, quale primitivo aspetto del mondo fertile ideomorfizzato nella Mater genitrix dispensiera di malve, biade e asfodeli, ricevette nelle regioni catanesi culto particolare. Dipoi i coloni elleni perfezionarono la sua figura mitologica identificandola con Demeter, che aveva il suo lato contrastante nella sterilità invernale, seppure quale momento di indispensabile equilibrio del ciclo vegetativo.

Il dualismo limite di fertilità‑sterilità, gioia‑morte, estate‑invemo, collocò Demeter in intimo rapporto con Persefone, ossia «il seme», o più semplicemente Kore: la gioventù, la figlia passiva rapita dal dio degli inferi attraverso la bocca dell'Etna; ma che puntualmente tornava sulla terra col sopraggiungere della primavera, sotto forma di natura che sboccia.

In nessun luogo della Sicilia Demeter fu tanto venerata come a Catania, i cui segni più evidenti si rilevano nella monetazione della città. Le Tesmoforie duravano qui dieci giorni e culminavano il 16 agosto con offerta di mylloi, le focacce di sesamo e miele a forma vulvare: forme sopravvissute nei panuzzi e cudduri 'nciminati dell'attuale pezzatura di pane. 1 misteri, riservati esclusivamente alle donne, si svolgevano in un Demetreion celebrato da Cicerone (in Verrem, IV, 45) ove era un antichissimo oracolo sessuale della dea, mentre in un naos separato si svolgeva l'estasi misterica invocando Basilis Persefone che portava alla conoscenza della verità.

Una lastra epigrafica che ne attesta il culto, scoperta nei pressi del Bastione degli Infetti (via Torre del Vescovo), sembrerebbe confermare la tradizione popolare che indicava in quest'area il luogo ove era situato il santuario. Un encomio greco d'un monaco catanese del IX secolo ne attesta la distruzione ad opera del vescovo Leone intorno al 725; ma è più probabile che, come afferma il Privitera, la costruzione sia crollata a causa di un terremoto, forse nel 778, o più verosimilmente nel disastroso cataclisma del 797 ricordato da Paolo Diacono, che con epicentro nel Mediterraneo orientale colpì duramente la Sicilia e Creta. Un bassorilievo votivo con due Kore, copia tardo‑ ale ss andrina di fattura dorica, trovato negli anni Trenta insieme con altri frammenti fra i materiali di riporto in piazza S. Nicolella, sembrerebbe confermare l'ipotesi che il Demetreion sfracellò dalla collina sul declivio in seguito a un forte crollo.

Una eco del culto di Demeter a Catania si coglie nella convinzione popolare che il 15 agosto, festa dell'Assunzione di Maria, sia il giorno più ventoso dell'anno: brano di mito dellefurie di Demeter alla ricerca disperata di Kore, discesa all'averno dopo la messe.

 

Il Dio marino Glauco, innamorato della ninfa Scilla, decide di ricorrere alle arti magiche della Maga Circe. Dalla Sicilia… con valide braccia

poscia solcando il Tirreno pervenne all'erbose colline ed al palazzo di Circe, la figlia del Sole, ripieno tutto di belve. La salutò nel vederla, risultato, dicendo: "Pietà, ti scongiuro, d'un Dio! Poiché tu sola, se degno ti sembro, mi puoi alleviare la passione amorosa. Nessuno sa meglio di Glauco

quanto sia grande la forza dell'erbe, che m'hanno mutato. … non farmaco chiedo che la ferita mi sani: non questo m'occorre; ella senta parte del fuoco che m'arde! "Ma Circe (nessuna di lei è meglio adatta agli amori improvvisi)… … così gli rispose:

 "Faresti meglio a seguire qualcuna che voglia te pure, infiammata dalla medesima passione"…

ecco io stessa, una diva, la figlia del nitido Sole, che tanto posso con carmi e pur anche con l'erbe,

vorrei essere tua. Lei sprezza che spregia e seconda chi t'ama; e in un tratto soltanto fa' la vendetta di due".

Glauco così rispondeva alla diva che lo lusingava: "Prima le fronde nel mar nasceranno o su l'alte montagne

l'alghe, ch'io muti, vivendo, l'amore che nutro per Scilla".

Ne fu sdegnata la Dea, che nuocere non gli potendo e non volendo, perché n'era presa, s'adira con quella

che l'è preposta; ed offesa per tale rifiuto d'amore, subito trita erbacce d'orribili succhi,

e, nel tritarle, sussurra dei carmi acatei; un'azzurra veste si mette e, tra mezzo alle belve che fannole festa,

esce dall'atrio e va verso Reggio, di fronte a Messina…In un'insenatura, dove Scilla è solita bagnarsi, Circe infetta

le acque del mare con veleni spremuti da radici ripetendo parole magiche. Scilla poco dopo entra nell'acqua e subito si vede la

parte inferiore del corpo bruttata da cani ringhiosi; in seguito viene mutata in rupe.  

 

Pignolata. E' il dolce più rinomato della città di Messina, che in un mix di crema al limone e mousse di cioccolato, delizia anche i palati più esigenti Ingredienti: 1 kg. di farina bianca da dolci; 12 tuorli d’uova ; sugna; 600 gr. di zucchero; 300 gr. di cioccolato in polvere. Preparazione: Disponete a fontana la farina. Nel cratere versate i tuorli delle uova sbattuti e un poco di sugna. Lavorate la pasta e, quando otterrete un impasto consistente, traetene dei bastoncini della grossezza di un dito, che dividerete in pezzi di 2 cm. di lunghezza. Fateli cuocere fino a dorare in sugna calda., scolateli e disponeteli a montagnola. A fuoco leggero, fondete zucchero e cioccolato in polvere. Lasciate che il composto, tolto dal fuoco, sia tiepido e versatelo sulla pignolata. Il nome deriva dalla forma a pigna. Le versioni di questo dolce sono molteplici, ma la ricetta messinese è quella più nota in Italia e all'estero.  

Il figlio di Nettuno. Tratto da: Miti e Leggende di Sicilia di Salvino Greco e Dario Flaccovio Editore.

Si contendono la paternità di questa leggenda diverse località del Mediterraneo. Noi la collochiamo nell'area del Peloro, seguendo una delle tradizioni più diffuse.

Racconta un'antica leggenda che nell'era grande della preistoria, venne a Capo Peloro, nella cuspide nord-orientale della Sicilia, un giovane della Beozia di nome Glauco, ritenuto figlio di Nettuno. Aiutato da alcuni amici, tagliò sui monti intorno alcuni alberi di pino e con il legno ricavato costruì una barca snella e veloce che dipinse con i colori del mare, e cioè di azzurro e di verde. Allora, come mestiere, si mise a fare il pescatore e divenne così bravo e così abile che le sue reti, alla fine di ogni pesca, risultavano sempre piene di una quantità enorme di pesci. Glauco non tratteneva mai per sè tutta quell'abbondanza di pescato, ma la ripartiva con gli amici e per sè teneva solo quanto bastava per nutrirsi e vivere alla giornata. Oltre ad essere generoso e di buon cuore, Glauco era anche bello come un dio. Aveva gli occhi azzurri, con sopracciglia folte e arcuate, il naso dritto e regolare, e la bocca rosea e morbida come quella di un fanciullo, mentre una barba corta e riccioluta gli incorniciava il mento, deliziosamente. I suoi capelli erano lunghi e sottili come fili di seta e gli scendevano sulle spalle morbidi e carezzevoli, e quando camminava oscillavano ad ogni suo movimento e sotto al sole cambiavano di colore, passando dal biondo al ramato.

Tutte le nereidi, Tetide, Anfitride, Panope e la stessa Galatea bianca come il latte, assieme alle sirene ammaliatrici e alle sorridenti ninfette delle acque, venivano dalle parti del Peloro per conoscerlo e parlargli. Spesso, alcune di esse, si spingevano fin sulla spiaggia e più d'una, avvinta dal suo fascino, gli sorrideva con invitante simpatia. Glauco era gioioso con tutte e scherzava come fa un buon compagno di giochi. Ma in particolare non guardava nessuna, contento solo di godersi la scanzonata libertà della sua verde giovinezza e quel senso giocondo di disporre pienamente e liberamente del suo tempo e dei suoi pensieri.

Un giorno, assieme alle sirene e alle ninfe, dalle parti di capo Peloro venne la figlia di Forco, la dolce e romantica Scilla, fanciulla bellissima e soave, piena di vita e desiosa d'amore. Nel suo piccolo cuore pulsavano i sogni di giovinetta e tutta lei stessa, ancora, s'infiammava al pensiero del suo ipotetico futuro amore.

Quando Scilla vide Glauco, sentì il cuore batterle più forte e il sangue le salì alle gote e le imporporò il viso di desiderio. Da quel momento, ogni giorno, sul far dell'alba, lei cominciò a venire alla riva del Peloro ad aspettare con il cuore innamorato e palpitante che il biondo Glauco venisse a preparare la sua barca per la pesca. Poi se ne restava ansiosa ad attenderlo fino al tramonto, fino a quando non lo vedeva tornare con le ceste colme di pesci ed avviarsi poco distante, alla sua piccola dimora. Scilla era timida e mai avrebbe osato dichiarargli il suo amore. Perciò si accontentava solo di guardarlo, di sorridergli e di sperare. Glauco, invece, la guardava e le sorrideva con simpatia. E qualche volta, forse, dovette anche rivolgerle un sorriso più affettuoso o accennarle una carezza, e Scilla s'infiammò ancora di più, cullandosi nel sogno di quel suo ingenuo amore, puro e sincero come è sempre puro e sincero il primo amore.

Un giorno passò dalle parti del Peloro la maga Circe, la bianca fanciulla dalla pelle vellutata come un petalo di rosa, ma volubile come una frasca al vento, sempre languida e desiosa di ebbrezze d'amore. Scilla l'ebbe per amica, e assieme andarono a fare i bagni nel laghetto dei Margi. A sera, poi, andavano a passeggiare lungo le rive dei Ganzirri, ad ammirare il verde-azzurro fluttuare delle onde del mare che dal Tirreno correvano lente ma costanti verso il mare Ionio.

Scilla, un giorno, confidò a Circe il suo amore per Glauco e in cambio ebbe consigli e una promessa d'aiuto.

- Fammi vedere questo tuo straordinario giovane! - le disse la maga - Ed io t'insegnerò il modo di conquistarlo...

Il giorno dopo Circe e Scilla si recarono sulla spiaggia. Glauco giunse poco dopo. Nella lucentezza dell'alba alle due donne egli apparve bello come un dio, agile come un'atleta e smagliante in tutta la sua giovinezza, esaltata dai capelli biondi e dagli occhi azzurri, profondi come il mare. Circe ne rimase ammaliata e se ne innamorò.

- Bello è Glauco, figlio di Nettuno! - pensò estasiata nella sua mente - È l'essere più bello che io abbia mai visto... Ho deciso! Egli fa giusto al caso mio... È l'uomo adatto al mio furente amore... Lo farò mio amante!...

- E tu! - disse poi a voce alta, rivolta a Scilla - Cercati un altro uomo, perchè Glauco dai capelli biondi e dagli occhi di mare, ora appartiene a me!...

Scilla tremò. Quelle parole furono per lei una sentenza di morte. Come poteva, l'ingrata maga, rubarle il suo amore? E non s'accorgeva che Glauco per lei rappresentava la vita? Male aveva fatto a confidarle i suoi sentimenti. Sentì il cuore quasi fermarsi e poco mancò che non morisse.

E continuò invano a supplicarla. Per farle piacere la chiamò con tutti gli aggettivi più belli che conosceva. Si fece umile e piccola, strisciando quasi ai suoi piedi. Dapprima Circe l'ascoltò ridendo, beffandosi dei suoi sentimenti di fanciulla.

Poi, seccata, avvelenò il fonte in cui Scilla sovente veniva a bagnarsi e quindi, impugnata una bacchetta magica, la toccò su una spalla. E avvenne l'incredibile. Ingannata dalla maga, Scilla cominciò a trasformarsi in un mostro marino, con sei teste latranti e dodici orribili e deformi gambe. La sua pelle, prima liscia e delicata come un petalo di rosa, cominciò a coprirsi di squame ruvide e lucenti, e la sua voce, prima melodiosa e dolce, ora divenne rauca e abbaiante.

Appena Scilla s'accorse d'essere divenuta un mostro, non resse alla disperazione e si gettò in mare. Il suo cuore si trasformò in macigno e s'incrudelì al punto da costringerla a far strage dei naviganti che avevano la ventura di passare dalle parti della sua caverna. La stessa Circe, più tardi, descrivendola ad Ulisse, la definì un: "...prodigio immortale uno spavento, un orrore selvaggio con cui non si lotta: contro di lei non c'è riparo bisogna fuggire".

Intanto la perfida Circe se la spassava con Glauco. Ma quando venne la primavera, volubile com'era, si stancò del suo amore e lo lasciò. Prima voleva tramutarlo in un animale, come aveva fatto con i suoi passati amanti, ma non potè farlo perchè Glauco era figlio di Nettuno. Perciò lo lasciò senza neanche dirgli addio e se ne tornò nella sua isola di Eea. Quando Glauco s'accorse d'essere stato abbandonato, cadde in una tristezza profonda. Ma la sua amarezza divenne sofferenza quando seppe della brutta fine di Scilla, di quella piccola creatura dalla voce melodiosa che tutte le mattine per tanto tempo, lo aveva atteso sulle rive del Peloro e che la perfida Circe, per gelosia e con l'inganno, aveva cambiato in un orrido mostro marino.

- Oh grandi dei! - inveì in cuor suo - Perchè mi dannaste a così crudele destino?

Ora, ogni giorno, Glauco aveva preso l'abitudine di uscire con la barca fuori dalle acque dello Stretto e di avvicinarsi all'antro di Scilla. Quando giungeva nei pressi, la chiamava per nome e cominciava a rammentarle il tempo felice dei loro primi incontri. L'orrido mostro, più di una volta, fu sul punto d'avventarsi contro con le sue bocche latranti ed inghiottirlo. Ma, pur se soggetta alla demenza canina, forse, nel cuore, manteneva ancora qualcosa del suo amore di donna. Così, dopo aver latrato minacciosa, finiva per acquietarsi e rientrava nelle buie caverne marine mentre Glauco, afflitto e disperato, tornava alla spiaggia dello Stretto.

E intanto passarono gli anni. Glauco, sempre più malinconico, divenne un vecchio curvo, pieno di ricordi e di rimorsi. Egli, non si allontanò mai più dalle rive dello Stretto e continuò a vivere solitario ed eremita, vivendo solo del prodotto della sua pesca, per fortuna, sempre abbondante. I capelli e la barba gli erano incanutiti, ma gli occhi erano rimasti vivi e lucenti, forse un poco tristi a causa del tenero e mai scomparso ricordo di Scilla quando, ancora giovinetta, dolce e bellissima, si era perdutamente innamorata di lui.

Glauco, ora, era anche stanco. Ogni giorno, tornando dal mare, remava sempre più lentamente e con più fatica. Una volta, mentre tornava da una pesca lontana, vide in mezzo al mare un'isola bellissima piena d'alberi e di fiori. Persino sul bagnasciuga vi cresceva un'erbetta verde e argentata, soffice e molle come un bellissimo tappeto di Persia.

Glauco, improvvisamente, si sentì stanco e triste. Accostò con la barca a quell'isola sconosciuta, tirò a secco le reti e sedette sulla soffice erbetta, cominciando a selezionare i pesci pescati. E allora egli vide una cosa incredibile, meravigliosa. Quei pesci, appena toccavano quell'erba, tornavano a vivere, e a piccoli balzi saltellavano verso il mare, e vi si tuffavano dentro riacquistando vita e vigore.

Glauco restò sbalordito. Mai, in vita sua, aveva visto o sentito parlare di cose simili. Ora era vecchio e stanco, e anche un tantino miope. Ma quello che vedeva era realtà e non sogno. Colse un ciuffo di quell'erba e lo mangiò. Oh, che sapore bellissimo aveva quell alga! Nella sua mente tornò il ricordo degli aromi dei cibi mangiati nella prima fanciullezza, e gli parve d'avere in bocca zucchero e miele ed elisir, e tutte le leccornie che aveva mangiato da bambino. E allora colse altri ciuffi di quell'erba e li mangiò e così di seguito, con ingordigia, fino a divenire sazio.

E allora in lui s'avverò il miracolo. D'un tratto il suo corpo ebbe un fremito. I suoi piedi cominciarono a colorarsi di verde e poi le gambe, le braccia, il busto e la faccia, divennero verdi come il colore di quell'alga che aveva mangiato.

La sua barba cominciò ad assumere un bel colore verde e su tutto il corpo gli spuntarono peli verdi e lunghi, sottili e fini come fili di seta. II cuore di Glauco s'empì di gioia, mentre una forza incontenibile, più grande della sua stessa volontà, lo fece alzare da terra e correre verso il mare, dentro al quale s'immerse con un gran salto.

Oh, il grande dolce sapore del mare, l'cstasi sublime in cui ogni sentimento s'annulla e la pace si confonde con la gioia! Lievi le onde lo accarezzarono sfiorandolo e Glauco, il biondo ceruleo Glauco, divenne un tritone del mare, immortale e profetico.

Sul fondo egli vide una casa attorniata da un giardino bellissimo, pieno di alghe e di coralli, un caleidoscopio di colori stupendi, mentre attorno si udiva una musica dolcissima e allettante. Vi entrò e ne fece la sua reggia.

Da quel giorno Glauco volle restare per sempre nel mare dello Stretto. Si rivide con Scilla? Le parlò? Cessò, per questo, Scilla, di far strage dei naviganti? Dice la leggenda che anche ai tempi nostri, quando infuria la tempesta, Glauco solleva il capo al di sopra delle onde e subito, il mare si fa calmo e diventa invitante, come lo era nella preistoria, quando Scilla era ancora una fanciulla bellissima e non un feroce mostro mari no, con dodici gambe e sei latranti teste canine

 

Il basalto è una roccia magmatica effusiva che si forma dal raffreddamento di masse fuse. Si presenta di colore grigio, ed è costituito da una massa vetrosa in cui sono immersi diversi cristalli tra cui si possono riconoscere facilmente i pirosseni di colore nero, i plagioclasi, che si presentano come piccoli aghetti trasparenti e l'olivina di color bruno giallo simile al vetro di bottiglia di birra.

Nella Valle dell'Alcantra e alla Gole del Simeto, ci sono state periodiche sovrapposizione di più colate laviche di grande entità che hanno formato un considerevole spessore di basalto anche in un singolo episodio eruttivo. la parte superficiale di questa massa si è raffreddata rapidamente, mentre a parte interna ha impiegato per farlo centinaia di anni. la contrazione della massa di roccia ha originato delle fratture intersecantisi a formare prismi pseudoesagonali: i basalti colonnari. L'erosione del fiume ha poi messo in risalto la geometria dei prismi.

Storia geologica I più antichi affioramenti vulcanici dell'area etnea sono le lave basaltiche delle zone di Aci Castello e Aci Trezza. Questi si sono formati su quello che allora era il fondale di un ampio golfo pre-etneo che si apriva allora lungo la costa orientale della Sicilia e che separava l'altopiano Ibleo dai Peloritani (600 000 - 200 000 anni fa). Le caratteristiche di questi primi basalti erano quelle tipiche delle effusioni sottomarine: lave a cuscino (pillow) con croste vetrose e ialoclastiti. In seguito all'emersione della regione le manifestazioni eruttive assumono un carattere subaereo come quelle attuali dell'Etna. Circa 200 000 anni fa si verifica il passaggio da un vulcanismo di tipo fessurale, espandimenti estesi di lava lungo fratture lineari della crosta, ad un vulcanismo di tipo centrale con la costruzione di un vero e proprio cono vulcanico. L'attività del primo vulcano etneo, il Calanna, termina con il collasso del cratere e la formazione di una caldera. A questa fase dell'attività dell'Etna, da 200.000 a 150.000 anni fa, possono essere riferiti gli espandimenti lavici presenti lungo i corsi dei fiumi Simeto e Alcantara cioè i basalti colonnari.

La formazione delle gole. Circa 200 000 anni fa al posto dell'attuale valle dell'Alcantara era una valle che si sviluppava su argille del Cretaceo e su arenarie dell'Oligocene - Miocene. Questa valle accolse nel suo letto la lava proveniente dall'attività dei primi centri eruttivi dell'Etna. Era una lava molto fluida che si incanalò nella vale e giunse a mare. Le colate erano di notevole spessore e accadeva che le parti interne si raffreddassero molto lentamente. Quando il raffreddamento di una massa magmatica avviene in un tempo di parecchie centinaia di anni si possono formare fessurazioni colonnari. Infatti, passando dal fuso al solido la materia si contrae generando fratture si intersecano con angoli di 120° che formano dei prismi che in sezione si presentano come maglie esagonali. L'esagono è infatti la figura geometrica che meglio riempie il piano.

La valle dell'Alcantara ha ricevuto nel tempo diverse colate in successione  ed è  accaduto che queste sbarrassero il fiume originando un lago di sbarramento lavico. In questo lago la massa d'acqua finiva col tracimare ed erodere la massa lavica formando le forre che oggi possiamo vedere (gole). Tra queste le più note sono quelle di Larderia, dello Sciambro e di Mitoggio.

Testi di Salvina Abbadessa e Giuseppe Ippolito, scritti in occasione di una escursione svolta con un liceo di Catania il 18 dicembre 2003

   

Al Qantarah In un periodo che si perde alle radici della storia, un piccolo vulcano a nord dell'Etna si sveglia ed erutta un'enorme massa di lava che si fa strada fino al mare ed immergendosi forma capo Schisò. Il percorso tortuoso del fiume di lava viene in seguito solcato da un corso d'acqua che vi si insinua levigando e pulendo i massi lavici dalle scorie.  

Verso la fine del suo percorso, l'acqua incontra forse una massa di terreno più friabile e si fa strada liberando due alte pareti di durissimo basalto caratterizzate da affascinanti forme prismatiche. Sono le gole, di cui solo un tratto è oggi facilmente accessibile.

Quando andare. Le gole sono percorribili quando l'acqua è bassa per un tratto compreso tra i 50 e i 200 m. All'entrata è possibile munirsi di stivali-salopette (tipo da pescatore) da indossare per evitare di bagnarsi nelle acque, sempre molto fredde, del fiume. Normalmente il letto del fiume è praticabile da maggio a settembre. Il resto dell'anno si può solo arrivare all'imbocco delle gole. La risalita può essere fatta in ascensore. E' possibile fare agricampeggio in apposite piazzole. Il nome del fiume, e della valle omonima, risale al periodo di dominazione araba, Al Qantarah, e si riferisce ad un ponte ad arco costruito dai Romani e capace di resistere

alle irrompenti piene del fiume che ancora oggi offrono uno spettacolo impressionante.

La discesa a piedi permette di avere una bella vista d'insieme della parte iniziale delle gole. Arrivati al letto del fiume le pareti, alte più di 50 m.stringono in mezzo una lingua d'acqua e si presentano in tutta la loro ambigua bellezza: nere strutture geometriche che si ergono una di fronte all'altra e si rincorrono verso il cielo. Le linee si intersecano, formando prismi pentagonali e esagonali o figure irregolari che giocano con la luce disegnando forme mostruose o leggiadre. I contrasti sono forti e sembrano rafforzarsi

man mano che si penetra all'interno, quando non restano che tre elementi: la roccia, l'acqua, il cielo. Ed il sole, a disegnare i contorni tra il nero delle parti in ombra e quelle chiare, illuminate, ed a rifrangere in mille piccoli specchi le gocce delle cascatelle che a tratti scendono lungo le pareti.

 

 

 

 

TAORMINA. Splendidamente adagiata sull'altopiano roccioso a 200 m di altitudine. Taormina occupa una posizione stupenda, a balcone sul mare e di fronte all'Etna. Meta di viaggi fin dal '700, è solo verso l'ultimo trentennio del XIX sec, che conosce un notevole sviluppo turistico. Molti gli stranieri, soprattutto inglesi e tedeschi, che decidono di costruire ville nella città e molte le personalità ospitate, dall'imperatore Guglielmo II a Edoardo VII a famiglie conosciute (i Rothschild, i Krupp).
Il clima mite, la bellezza del paesaggio e la calma che regna tutt'intorno hanno reso Taormina famosa in tutto il mondo.

Il centro di Taormina, pedonale, si costruisce intorno a corso Umberto I, principale arteria della città, dal quale è possibile raggiungere tutti, o quasi, i punti di maggior interesse.

Il teatro  Greco in origine (periodo ellenistico) venne trasformato ed ingrandito in epoca romana. L'edificio che possiamo ammirare oggi è infatti quello del II sec. dC. Il teatro è stato costruito sfruttando la naturale conformazione del terreno: alcuni gradini della cavea sono stati ricavati direttamente dalla roccia, Il teatro greco rispettava i canoni classici, con un'orchestra semicircolare per i musici, i conisti ed i danzatori, I Romani eliminarono le prime file di gradini per trasformare l'orchestra in arena (circolare), più adatta ad ospitare i giochi circensi, ed aggiunsero un corridoio per l'entrata dei gladiatori e delle belve feroci.

Il rosso dei mattoni, il bianco delle colonne marmoree che ancora ornano la scena, l'azzurro intenso del cielo sono i colori dominanti di quest'oasi di pace. Dall'alto della cavea si può ammirare in tutto il suo splendore il bellissimo quadro che si offre alla vista: la maestosa presenza dell'Etna, dalla cima spesso innevata, che digrada dolcemente e sembra quasi congiungersi con il mare che qui lambisce la costa formando deliziose baiette. La magia si ripete costeggiando la parte alta della cavea fino all'estremità sinistra, da cui si riesce ad abbracciare con lo sguardo anche Taormina.
Il teatro, perfettamente funzionante, ha ospitato in passato il premio David di Donatello, una delle più importanti manifestazioni cinematografiche italiane, ed oggi è sede di Taormina Arte, rassegna internazionale di cinema, teatro, balletto e musica sinfonica che si svolge nei mesi estivi.

Corso Umberto E' piacevole passeggiare lungo questa via tranquilla, leggermente in salita, chiusa a valle da Porta Messina ed a monte da Porta Catania e fiancheggiata da bei negozi, ristoranti e caffè. Ai lati della via (soprattutto nel primo tratto sulla sinistra) si dirama un intrico di stradine che offrono inattesi scorci e profumi, come quello della frutta di marzapane e della pasta di mandorle della laboratori di pasticceria. Prima dell' inizio del corso, appena fuori Porta Messina, si trova la secentesca Chiesa di S. Pancrazio, secondo la tradizione primo vescovo di Taormina, che fu edificata sui ruderi di un tempio dedicato a Zeus Serapide (notare i resti di muro inglobati nella parete sinistra della chiesa). Possiede un grazioso portale in pietra di Taormina, affiancato da due nicchie con statue di santi. Lungo il corso si aprono tre belle piazze.

Piazza Vittorio Emanuele - Coincide con l'antico foro della città. Dietro la Chiesa di S. Caterina, dal bel portale barocco in marmo rosa e pietra di Taormina, sono ancora visibili delle vestigia antiche. Si tratta dei resti di un Odeon, un piccolo teatro coperto risalente al periodo romano (I sec. d.C.) in mattoni rossi.
Palazzo Corvaja - Il nucleo originario, la torre cubica riconoscibile nel corpo centrale (nel cortile interno) risale al periodo arabo. Nel XIII sec. viene aggiunta l'ala laterale sinistra e la scala che conduce al piano nobile, mentre l'ala destra risale al XV sec. Abbandonato e in stato di degrado per diversi anni, viene completamente restaurato alla fine della seconda guerra mondiale. Si possono notare i differenti stili che si  sono succeduti. Arabo è il coronamento della torre, gotico-catalane le bifore del salone (che risale al XIII sec.) ed il bel portale d'accesso al palazzo (la scala che lo precede è ornata da bassorilievi con scene della Genesi, purtroppo rovinate), normanna la sala del Parlamento (ala destra) così chiamata perchè sede, nel quattrocento, del Parlamento siciliano. All'interno del cortile, sulla destra si trovano i locali occupati dall'APT, ove si possono ammirare bei pupi e bellissimi carretti siciliani, dal ricco intaglio in legno e ferro battuto. L'osservazione attenta di questi capolavori della tradizione permette la scoperta di mille particolari che sfuggono ad una prima occhiata.

Naumachie - Sono in una stradina laterale sulla sinistra. Il nome ricorda la simulazione dei combattimenti navali amati dai Romani. Qui però ci si trova di fronte ad una serie di arcate cieche, in mattoni rossi di epoca romana. Era probabilmente il muro di sostegno di una grossa riserva d'acqua e faceva parte di una costruzione rettangolare, forse un ginnasio.

Piazza IX Aprile - E' una deliziosa piazzetta a balcone sul mare dalla quale si gode di una bella vista sul golfo e sull'Etna. Gli altri tre lati sono racchiusi dalla chiesa di S. Giuseppe (XVII sec.), dalla nuda facciata, di S. Agostino (oggi biblioteca) e dalla torre dell'Orologio, che si apre ad arco sulla strada e che dà accesso al borgo del XV sec. La costruzione che vediamo oggi è della fine del '600, epoca in cui venne anche aggiunto l'orologio, ma le fondamenta della torre sembrano risalire addirittura al VI sec. d.C. quando la torre faceva forse parte di una cinta difensiva. La piazza è uno dei luoghi di ritrovo e di sosta più affollati, data anche la presenza di numerosi caffè con tavolini all'aperto.

Piazza Duomo - Al centro si erge una bella fontana barocca in pietra di Taormina a base circolare. La vasca più grande che si apre ad Oriente fungeva un tempo da abbeveratoio. AI centro, in posizione elevata, si trova l'emblema della città, un centauro, qui però raffigurato nella versione femminile e dotato, al posto delle classiche quattro zampe, di due braccia che reggono una sfera ed uno scettro, simboli del potere.

Duomo - La costruzione, dedicata a S. Nicola di Bari, risale al XIII sec. La facciata, molto semplice. E' ornata da un portale rinascimentale tra due monofore e sovrastato da un rosone. Il coronamento a merli le ha valso il nome di cattedrale-fortezza, il lato sinistro presenta un bel portale a sesto acuto ornato da un tralcio d'uva che segna il bordo e, in corrispondenza del transetto, un rosone.
Interno - La struttura è gotica, a croce latina con una navata centrale che si raccorda alle laterali tramite archi a sesto acuto. Questi ultimi, sorretti da colonne monolitiche in marmo rosa, sono sormontati da monofore che rischiarano la navata centrale. Sul 2° altare della navata laterale destra si può ammirare un bel polittico cinquecentesco di Antonello de Saliba

 

.

I palazzi Il centro storico di Taormina è costellato di bei palazzi che presentano alcuni tratti in comune: stile gotico con influssi arabo-normanni: utilizzo della pietra lavica nera, in alternanza a pietra bianca di Siracusa per formare disegni decorativi geometrici, sottolineare archi, arcatelle e portali. Questi intarsi movimentano la facciata dei più interessanti palazzi di Taormina.

Palazzo di S. Stefano - Appena prima della Porta di Catania, imboccare, a sinistra, via del Ghetto. Il bel palazzo risale al XV sec. Costruito per i Duchi di S. Stefano, la famiglia De Spuches, di origine spagnola, ha una mole massiccia che ricorda una casa-fortezza. L'elemento decorativo che lo caratterizza è una fascia che corre lungo il bordo superiore, a due colori (in pietra lavica nera e bianca di Siracusa) che forma un bel motivo geometrico a losanghe. I due ordini in cui è suddiviso sono scanditi da bifore che si arricchiscono, in quello superiore, di un arco elaborato. Il palazzo è sede oggi della Fondazione Mazzullo, con un'esposizione permanente di sculture e disegni dell'artista di Graniti (ma ospita anche mostre temporanee, nel periodo natalizio quella dei presepi in terracotta). Nelle opere in pietra lavica, granito e bronzo. E' ricorrente la nota del dolore, in particolare nella serie delle Fucilazioni, torsi mutilati ed incompiuti, ricchi di espressività e nel Gatto ferito, forma abbozzata nella pietra, mentre colpisce l'impenetrabilità dei volti dei busti femminili a volte appena sbozzati, a volte perfettamente modellati come nell'elegante Amazzone e in Saffo.

Badia Vecchia - Si trova lungo via Dionisio I. Il nome le deriva forse dall'errata supposizione che fosse una abbazia. L'edificio ricorda molto quello dei Duchi di S. Strano nella struttura massiccia, nello stile e nel fregio bicolore che qui corre tra il primo ed il secondo piano formando quasi un pizzo floreale. Sul fregio poggiano belle bifore.

Palazzo Ciampoli - Fa da sfondo alla scalinata della salita Palazzo Ciampoli, a destra di corso Umberto I, poco prima di piazza Duomo. La facciata di questo palazzo, purtoppo in stato di degrado e svilita dall'insegna di una discoteca, che vi si trovava fino ad alcuni anni fa (oggi è invece un hotel), è suddivisa in due ordini da una fascia decorativa in pietra cesellata, il bel portale a sesto acuto è sormontato da uno scudo che riporta la data di costruzione del palazzo: 1412.

I giardini di Villa Comunale - Via Roma. Fiori e piante di una grande varietà, dai più banali a quelli esotici, crescono in questo parco un tempo privato, ove i proprietari fecero innalzare singolari edifici in stile eteroclita con un tocco di esotismo. Il più particolare è tutto ad archi ed arcatelle che lo fanno sembrare, ad un primo colpo d'occhio, simile a un alveare, nome che in effetti gli è stato dato (The Beehives) dalla proprietaria, Lady Florence Trevelyan che, appassionata di ornitologia, utilizzava questi luoghi per osservare gli uccelli. Dal vialetto che lo delimita dalla parte del mare, si gode di un bel panorama sull'Etna e la costa Sud.

Escursioni Le spiagge - Taormina sorge alta sul promontorio, ma ai suoi piedi si stendono belle spiagge. La piccola baia di Mazzarò è chiusa a sud da Capo Sant'Andrea, ricco di grotte, tra le quali spicca la Grotta Azzurra. Le voci dei pescatori che invitano alla gita risuonano su tutte le spiagge. Oltre il capo si estende la deliziosa baia chiusa dall'Isola Bella che un'esilissima lingua di terra collega alla riva. Le spiagge più estese, Spisone e Mazzeo, si trovano invece a nord di Mazzarò.

 

Castello - 4 chilometri lungo la strada verso Castel Mola. Il sentiero è sulla destra. E' possiblle raggiungere il castello anche a piedi, attraverso la "salita Castello", un sentiero a gradoni che parte da Taormina, da via Circonvallazione (1 km circa AR) o la Salita Branco che parte da via Qietro i Cappuccini. Si consiglia di evitare l'escursione a piedi nei mesi più caldi.
Il castello si erge isolato sulla cima del monte Tauro (m 398). Poco più sotto si trova il Santuario della Madonna della Rocca. Dal terrazzino che precede la chiesa si gode di una bella vista sul teatro di Taormina e sulla città. Si prosegue a piedi per il castello: una fortezza ricostruita in epoca medievale sui resti dell'antica acropoli. Dell'edificio, di forma trapezoidale, sono ancora visibili essenzialmente i muri di cinta ed i resti di una torre. Anche da qui si gode di una suggestiva vista sul teatro e su Taormina.

Castel Mola - 5 km a Nord-Ovest. Questo paesino arroccato alle spalle di Taormina in posizione panoramica si sviluppa intorno alla deliziosa piazzetta del Duomo dalla quale si dirama un intrico di stradine pavimentate. Da diversi punti, in particolare dalla piazzetta di S. Antonino, si gode di un bel panorama suIl'Etna, sul Litorale Nord e sulle spiagge che si estendono ai piedi di Taormina. Sulla destra della suddetta piazza, una scalinata, il cui accesso è costituito dall'antico arco d'ingresso alla città qui spostato per costruire la strada, porta ai ruderi del castello, di cui si conservano tratti delle mura cinquecentesche e da dove si gode una bella vista sui monti Venere, alle spalle del cimitero, e Ziretto, più in basso.
Di origini normanne è la Chiesa dell'Annunziata, attigua al cimitero, che, pur totalmente ricostruita, conserva un portale finemente lavorato in pietra bianca. Tipica della zona è la produzione di vino alla mandorla, un vino liquoroso di cui alcuni abitanti di Castel Mola si attribuiscono la paternità dell'invenzione.

Dalla leggenda alla storia Narra una leggenda che un'imbarcazione greca, in navigazione nel tratto davanti alla costa orientale, avesse l'impudenza di commettere disattenzioni nel fare un sacrificio al dio del mare Nettuno. Questi, tremendamente adirato, avrebbe allora fatto alzare un vento così forte da causare un naufragio. Uno solo dei marinai, scampato alla morte e all'ira del dio, sarebbe riuscito ad approdare sulla spiaggia di capo Schisì. Affascinato da questi luoghi, Teocle, il naufrago, avrebbe dunque deciso di fare ritorno in Grecia per convincere alcuni suoi compatrioti a venire in Sicilia e a fondare una colonia: Naxos.
Un fondo di verità nella leggenda c'è: una colonia greca venne veramente fondata qui nell'VIII sec. a.C. ed ebbe vita tranquilla fino a quando Dionisio, tiranno di Siracusa, decise nel 403 a.C. di espandersi in questa parte dell'isola: sconfitti i coloni, concesse loro di stabilirsi sul pianoro del monte Tauro (a 200 m sul livello del mare), già occupato dai siculi. E' da questo momento che si hanno notizie dell'insediamento di Tauromenion, l'attuale Taormina. Alleata di Roma prima, conquistata da Ottaviano poi, divenne capitale della Sicilia bizantina alla caduta dell'impero Romano. Con l'arrivo degli Arabi venne distrutta, ma subito ricostruita e nel 1079 fu conquistata dal Normanno Ruggero d'Altavilla sotto il quale ebbe un lungo periodo di prosperità. Nei secoli successivi conobbe, oltre al dominio spagnolo, anche quello francese e quello borbonico, fino all'Unità d'Italia.

 

Tutte le foto di Taormina

La programmazione cinematografica

Spedisci una cartolina da Taormina

Dove alloggiare a Taormina

I ristoranti di Taormina

• Le pizzerie di Taormina

I siti Web su Taormina

Le aziende di Taormina

Viaggi a Taormina

Libri su Taormina

Eventi a Taormina

News a Taormina

E-mail di Taormina

Feste e Sagre

http://sicilyweb.com/taormina/

C'era una volta la dolce vita di Taormina Di Gianni Nicola Caracoglia

Chico Scimone, l'inventore siciliano del night club e della night life, racconta gli anni d'oro quando nella cittadina le star erano di casa

"Ok ya, quelli erano proprio altri tempi". L'accento yankee dà subito l'idea del personaggio Francesco Scimone, da tutti conosciuto come Chico, musicista e nightclubber ante-litteram, porta dentro di sè un modo di concepire la vita e il divertimento molto vicino allo stardom di chiara matrice americana. E non a caso, visto che Chico gli Usa li conosce bene in quanto vi ha vissuto a lungo - tra Boston e New York - e dove ha incamerato a pieni polmoni l'aria gaudente e un po' viziata del night club.

Esperienza vissuta a partire dal 1928, a soli diciassette anni, tra gestione di locali e big band di jazz e che Chico ha pensato bene di trasferire anche nella sua Taormina quando vi ritornò nel 1953, aprendo la Giara, uno dei locali che in Sicilia, diventarono sinonimo per antonomasia di divertimento notturno. Anni, quelli, in cui la località turistica più famosa dell'isola viveva una parentesi di dolce vita che poco o nulla aveva da invidiare alla capitale.

E in linea con i tempi, l'anno dopo il ritorno in patria, Scimone sposò in pompa magna l'attrice spagnola Aurora De Alba, con tanto di coreografia di carretto siciliano. Scene queste che recentemente sono state riprese alla tv in un programma sui matrimoni celebri dei secolo, al pari di quello di Carlo e Diana. Non l'unico matrimonio della sua vita: Chico si è sposato altre quattro volte (mai con una italiana) ed oggi, divorziato, non considera finita la sua carriera sentimentale.

"In quel periodo a Taormina - ricorda Scimone – tra il Festival del Cinema, il David Di Donatello e vari film girati in Italia, venivano molte star che immancabilmente passavano dal mio locale che è stato il primo night club di Taormina". Subito dopo ne ha aperto un altro con lo stesso nome a Catania, a Villa Manganelli (oggi semidistrutta ndr), e fu il primo night della città etnea. "Nel 1958 alla Giara di Catania, una signora mi chiese se potevo insegnare i passi del cha cha cha alla figlia. Bene, quella ragazza era Mina". Episodio simile 10 anni prima, tornando da New York: sulla nave fu invitato da una signora ad ascoltare la voce del figlio aspirante cantante: il giovanotto era Johnny Dorelli.

Seduto, come ogni pomeriggio, ai tavolini del Mocambo, Scimone guarda il fiume di persone che affolla il corso e con un pizzico di nostalgia snob non riesce a non fare un confronto con il Passato. "Una volta quando c'erano meno macchine, c'era un turismo più selezionato. Al San Domenico, per esempio, si pranzava in smoking. Era facile incontrare star del cinema come Greta Garbo o grandi scrittori come Truman Capote o Tennessee Williams che passavano lunghi periodi a Taormina".

Lo spartiacque a cavallo dei '70: "Quando sono tornato definitivamente in Italia nel 1973 (dopo una nuova parentesi americana cominciata nel 1961 ndr) ho capito che tutto era cambiato. Le celebrità erano scomparse". Anche la passione per la Giara andò scemando fino a quando lo cedette nel 1988. Da allora non vi è più entrato. "Come quando finisce un amore non si torna più indietro".

La passione per la musica, ereditata dalla madre anch'ella pianista, è nata molto presto in Scimone ed ha contagiato anche la sorella Amelia che, ancora oggi, spesso suona con lui a quattro mani al piano del San Domenico.

Hotel in cui Chico suonò per la prima volta poco prima di partire per l'America, nel lontano 1928. "Allora si suonava nel pomeriggio, yah, perché c'era il the danzante. La sera, poi, andavo al cinema e facevo la colonna sonora dei film muti di Greta Garbo e Rodolfo Valentino".

Nel celebre hotel vi è tornato a partire dal 1980. "Ho sempre amato 1'atmosfera elegante dei San Domenico. A fine serata, però, mi spostavo alla Giara e suonavo là". Il repertorio di oggi viaggia tra le colonne sonore dei film americani più famosi e pezzi di autori dei calibro di autori del calibro di George Gershwin o Cole Porter. Non dimenticando le canzoni italiane,, dagli immortali classici napoletani fino a Umberto Bindi e Domenico Modugno. "Anche i giapponesi mi chiedono canzoni come "Core 'ngrato" o "Santa Lucia" e il bello è che le cantano pure". Una colonna sonora vivente, non c'è dubbio. Oggi, a 88 anni, Scimone si permette anche di dirigere l'orchestra a Plettri di Taormina conosciuta in tutto il mondo avendo fatto numerose tournée all'estero.

Stretto è il rapporto con il cinema. Innumerevoli attrici e attori hanno reso visita al suo locale – Greta Garbo è venuta a Taormina un paio di volte - e non sono mancate le partecipazioni in prima persona di alcune pellicole. Da protagonista ne "Il cappotto di di legno" di Gianni Manera della fine degli anni '70; come ospite ne "Il piccolo diavolo" e "Johnny Stecchino" di Roberto Benigni. "Ero il pianista nella scena di piazza con Walther Mattau – ricorda ridendo -. Un Oscar meritato per Roberto".

Scimone, dalle mille risorse, è anche uno sportivo. Non manca mai all'appuntamento catanese di Capodanno o della San Silvestro a Mare ed ogni 3 febbario sale correndo gli 86 piani (1565 gradini) dell'Empire State Building di New York nella caratteristica gara.

 

Chico Scimone. TAORMINA - Attribuiva la sua longevità al buon cibo e alle salutari abitudini: pane, verdure dell’orto, vino e un buon bagno nel mare di Taormina, poco importa se fosse estate o inverno. Tutto qui il segreto di Chico Scimone, musicista e atleta, morto nel pomeriggio di ieri, a 94 anni, dopo che lo scorso primo febbraio aveva per l’ennesima volta scalato i 1576 gradini dell’Empire state Building di New York.

Personaggio eccentrico, intorno al ’50 era tornato a Taormina dagli Stati Uniti dove, negli anni ruggenti, aveva suonato il piano nei locali di Chicago, frequentati da qualche boss italo-americano.

In America c’era arrivato a bordo di uno dei transatlantici sui quali si guadagnava da vivere intonando lo swing. La musica faceva parte delle sue innumerevoli passioni, tanto che dopo aver chiuso un night club di sua proprietà, si dedicò all’orchestra a Plettro di Taormina. La sua casa era piena di foto del jet-set degli anni Cinquanta e Sessanta. a Fianco di Scimone compaiono Liz Taylor, Richard Burton, Vittorio De Sica.

La sua vita dal sapore di leggenda l’ha divisa con cinque mogli: l’ultima, l’attrice spagnola Aurora De Alba, è morta qualche mese fa a 75 anni. La coppia ha lasciato un figlio, Gianfranco, che vive in Giappone e fa il produttore televisivo.

Tornato dagli Stati Uniti, dopo l’ultima scalata, aveva ripreso i suoi allenamenti sui 140 gradini del parcheggio Lumbi di Taormina, sicuro che il prossimo anno avrebbe scalato di nuovo l’Empire, non prima di misurarsi, come aveva fatto lo scorso 31 dicembre, con la gara di nuoto che si disputa nel mare di Ognina a Catania. Quel giorno c’era freddo e pioggia, ma Scimone era lì, al traguardo dei 70 metri. Nel ’91 e nel ’92, quasi ottantenne, vinse due edizioni della scalata di New York per la categoria master e di quei trofei andava orgoglioso.

Ricoverato venti giorni fa per un aneurisma, per il quale gli era stata amputata la gamba sinistra, l’ultimo desiderio di Scimone è rimasto incompiuto: andare sulla luna. Aveva scritto alla Nasa offrendosi come componente di una missione nello spazio e si lamentava di non aver ricevuto risposta..

SCILLA (mitologia greca) Figlia di Niso, re di Megàra. Innamoratasi del nemico Minosse, che assediava la città di Megàra, lo aiutò nell'impresa; per fare ciò, recise al padre il fatale capello d'oro che aveva in testa e  dal quale dipendevano la sua vita e il destino della Patria. Niso infatti morì; Minosse conquistò la città, ma fece lapidare l'innamorata parricida che gli dèi mutarono poi in allodola. (Cfr. Virgilio, Georgiche, I.)

Figlia di Tifone e di Echidna; in origine Ninfa bellissima, di cui s'invaghì il dio marino Glauco, il quale, non riamato, per vendetta, dalla maga Circe fece mutare la bella Ninfa in un orribile mostro latrante con sei teste e le bocche dotate ciascuna di una triplice fila di denti. Per l'orrore che ebbe di se stessa, Scilla si precipitò in mare e si nascose in uno scoglio di fronte all'antro dove dimorava l'altro mostro marino Cariddi. Da quel sito Scilla sporgeva le sue teste per spaventare i naviganti o per rapirli quando le si avvicinavano. Secondo un'altra versione, Scilla subì quella trasformazione per opera di Anfitrite, gelosa della Ninfa perchè amata da Poseidone. Nella realtà Scilla e Cariddi sono due scogli tra Reggio Calabria e lo Stretto di Messina. (Cfr. Virgilio, Eneide, I, VII; Ovidio, Metamorfosi, XIII, XIV; Igino, Favole, CXCIX.)

 

"Poi quando lontano di là avranno spinto i compagni

la nave, allora non posso più esattamente segnarti

quale dev'esser la via: tu da solo

col tuo cuore consigliati: io ti dirò le due rotte.

Di qua rupi altissime, a picco: battendole,

immane strepita il flutto dell'azzurra Anfitrite;

"Rupi erranti" gli déi betai le chiamano. [...]

Mai scampò nave d'uomini che qui capitasse,

ma tutto insieme, carcasse di navi e corpi d'uomini

l'onde del mare e la furia d'un fuoco mortale travolgono".

(Odissea, XII 55-68)

Identifichiamo questo pencolo con il vulcano Stromboli nel pieno dell'attività eruttiva, con la lava che arriva fino al mare.  

"E poi i due Scogli: uno l'ampio cielo raggiunge

con la cima puntuta: e l'avviluppa una nube livida [...].

A metà dello scoglio c'è una buia spelonca [...].

Là dentro Scilla vive [...].

(Odissea, XII, 73-85)

Si tratta, dunque, della costa calabrese a sinistra dell'ingresso settentrionale dello Stretto di Messina.  

"L'altro scoglio, più basso tu lo vedrai, Odisseo,

vicini uno all'altro, dall'uno potresti colpir l'altro di freccia.

Su questo c'è un fico grande, ricco di foglie:

e sotto Cariddì gloriosa l'acqua livida assorbe".

(Odissea, XII, 101-104)

Cioè la costa siciliana a destra. Ulisse decise di intraprendere questa seconda via, verso Sud. Partendo da Imera lo Stretto di Messina offre la più breve via marina per raggiungere la Grecia, nella durata indicata.

La nave trascinata per nove giorni, alla decima notte si avvicinò all'isola di Ogigia, dove abita Calipso.

A Nord dello Stretto di Messina, l'unica isola in cui può essere trasportato un naufrago, è il gruppo delle isole Lipari. Determinare quale isola di questo gruppo sia l'isola Ogigia di Omero è difficile.

Secondo Omero, l'isola si trova là dove si trova l'ombelico del mare; forse questo farebbe concludere che si tratti dell'isola principale del gruppo e cioè Lipari, o, a causa della forma del vulcano, Vulcano.

Ma forse Omero si riferisce con la sua descrizione della ricchezza delle piante a Panarea, anche qui si trovano insediamenti preistorici. Sull'isola di Calipso, Ulisse si costruì una zattera con cui riuscì a raggiungere la terra dei Feaci, che, finalmente, lo accompagnarono ad Itaca.

 

'Ntuppateddi 'mbriacati 12 kg di 'ntuppateddi (piccole lumache in letargo), 1 cipolla, 1 bicchiere di vino rosso, menta, peperoncino, olio, sale, pepe. In una pentola piena d'acqua fredda mettere le lumache già pulite (private cioè, del velo che ricopre l'orifizio). Portare ad ebolizione a fuoco moderato, salare e proseguire la cottura per un paio d'ore. Nel frattempo pulire ed affettare la cipolla, metterla a rosolare in una padella con olio, pepe e peperoncino. Innaffiare con un bicchiere di vino rosso e lasciare sfumare per qualche istante. Scolare le lumache e adagiarle nel piatto di portata, bagnandole con salsa di cipolla e guarnendole con foglioline di menta. Lasciar riposare per 40 minuti e servire in tavola

 

CARIDDI - "Tra Punta Pezzo in Calabria e Capo Peloro o Capo Faro in Sicilia la soglia sottomarina s'innalza fino a raggiungere i cento metri sotto il livello del mare. Accade che quando nel mar Tirreno, a nord, c'è alta marea, a sud della soglia, nel mare Ionio, c'è bassa marea e viceversa. Questo continuo alternarsi di basse ed alte maree, origina alterni flussi e riflussi d'acque dall'uno all'altro mare che generano maree dal dislivello medio di 15-20 cm., con punte massime anche di 50 cm., in un ciclo completo di 24 ore e 50 minuti.

Si creano così violenti spostamenti di masse d'acqua in senso orizzontale e rapide emersioni di acque profonde, che creano estesi e vorticosi gorghi detti refoli (garofuli), mitologicamente identificabili nei mostri di Scilla e Cariddi.La rema montante, ovvero la corrente di flusso che dal mare Ionio va al mar Tirreno, inizia nello Stretto circa due ore prima del passaggio della luna sul meridiano di Messina, corre ad una velocità di circa 9 km. all'ora ed ha una durata media di circa 6 ore. Il riflusso o rema discendente inizia una lenta discesa verso il mare Ionio 4 ore prima di tale passaggio e genera una corrente di circa 156 mt. al minuto. "Tanto durante il dominio dell'una o dell'altra di queste correnti, si generano lungo le due rive dello Stretto due contro correnti secondarie che formano nei seni lungo le coste predette alcuni piccoli gorghi; tre gorghi principali, veri vortici, si producono lungo lo Stretto; l'uno presso la Lanterna di Messina ove si incontrano la corrente principale con la controcorrente che esce dal porto e la controcorrente costiera; altro vortice si forma alla Punta Pezzo in Calabria ove la corrente dominante è obblígata a ripiegare per la configurazione dello Stretto e quindi a far resistenza alla controcorrente lítoranea; un terzo vortice si forma presso la spiaggia di Ganzirri ed è di minore importanza degli altri"'.Di questo fenomeno naturale parla anche lbn Gùbayr nel suo libro "Viaggio in Sicilia, ecc." (1183-1185), così descrive il suo naufragio avvenuto nelle acque dello Stretto di Messina: "In questo Stretto, il quale giace tra la Terra grande e l'isola di Sicilia, la distanza fra le due coste è ridotta a sei miglia, e nel punto più breve a tre. Il mare si precipita furioso in questo passo angusto come la fiumana di al-'Arím, e bolle come una caldaia, tanta è la veemenza della pressione e della spinta. Molto difficile riesce alle navi il traversarlo..."'.

Allora la nave di Gùbayr, è utile ricordarlo, urtò con la chiglia contro la costa ed affondò. I naufraghi furono salvati dalle barche paesane, subito accorse.Nel linguaggio popolare Cariddi cambiò nome e divenne "u Galofuru o u Calofuru" per la somiglianza del suo ribollire e dello spumeggiare delle sue crestine d'onda con la corolla a petali di un garofano.

Di parere contrario è lo Spallanzani il quale, nella descrizione di un suo viaggio nel centro di Cariddi, sostiene che il gorgo "dai paesani è chiamato Calofaro" non già dal ribollimento delle onde ma da "Kalos e Pharos", cioè "bella torre, per esister Cariddi presso la Lanterna".

Ed ecco la descrizione che egli ne fa.  

"La barca che mi ci conduceva, era corredata da quattro sperimentatissimi marinai, che all'accorgersi che dentro io vi entrava con qualche ribrezzo, m'incoraggiarono, e mi promisero di farmi da vicinissimo vedere il Calofaro, anzi di menarmici sopra, senza che avessi nulla a temere. Osservato dal lido, mi appariva in sembianza d'un gruppo d'acque tumultuanti, e a mano a mano che mi ci appressava, il gruppo diveniva più esteso, più agitato, più eminente. Fui condotto fino ai lembi, ove alquanto mi arrestai per farvi sopra i dovuti esami. Scopersi allora senza ombra di dubbio non esser questo altrimenti un vortice. Insegnan gl'ídrologi che per vortice nell'acqua corrente s'intende quel corso in giro che ella prende in certe circostanze, e che questo corso o rivoluzione genera nel mezzo una cava conoide capovolta, più o meno profonda, la cui base all'íntorno colmeggia, e le interne pareti girano a spira. Ma niente di questo ravvisai nel Calofaro. Era esso circoscritto da un giro circolare, tutto al più di cento piedi: ed entro quei limití non eravi cavo di sorta, non moto vertiginoso, ma un incessante ribollimento di acque agitate, che ascendevano, discendevano, si urtavano, si respignevano. Questi irregolari movimenti, però, eran placidi in guisa, che non vi era a paventar di nulla nell'andarvi sopra, siccome feci. Solamente per la continua agitazione barcollava il mio picciol legno, e conveniva far uso indefesso de' remi, perchè stesse ritto, né spinto fosse fuori dal Calofaro. Alcuni corpi da me lasciativi dentro cadere, se erano specifícatamente più gravi dell'acqua, vi si attuffavano, né più ricomparivano: se più leggieri, restavano a galla, ma d'indi a poco l'agitamento dell'acqua gli spingea fuor di quel giro. Quantunque da queste osservazioni convinto io fossi, che sotto al calofaro non si apriva alcun baratro o voragine, concíossíacché allora vi dovesse essere un vortice atto ad ingojare i galleggianti, pur m'invaghj di rintracciarne il fondo con lo scan aglio, e trovai che la maggiore s a profondità non oltrepassava li 500 piedi: di più con meraviglia appresi, che al di là del calofaro, verso il mezzo dello Stretto, la profondità ne è doppia..."'.

 

 

"Con il fascino della loro musica attiravano i marinai che passavano nelle vicinanze. Le navi si avvicinavano allora pericolosamente alla costa rocciosa e si fracassavano. Le sirene divoravano allora gli impudenti."

Due tipi di sirene popolano il bestiario degli animali fantastici: le sirene-uccelli e le sirene-pesci; le prime hanno preceduto le seconde. Hanno testa e busto di donna, seni appuntiti e zampe palmate da uccello acquatico; vivono sugli scogli delle isole disabitate. La loro arma per "catturare" gli uomini è il canto.

La prima storia di sirene entrata nella mitologia è quella di Orfeo che accompagna gli Argonauti lungo il tratto presso l’isola delle Sirene. Per distrarre i suoi uomini Orfeo suona la lira di Bitonto e va a coprire il loro canto fatale; così perdono il loro potere. Ulisse utilizza un altro espediente: mentre ai suoi uomini impone di turarsi le orecchie egli, per tutelar se stesso, si fa legare all’albero della nave. In tal modo può udire e vivere il pericolo ma uscirne vivo. Sconfitte ancora una volta, le sirene si precipiteranno in mare. Così narra la leggenda.

I miti sono piuttosto contraddittori sulla loro origine. Apollonio le fa nascere da Tersicore e da Acheloo, il dio fluviale. Altri le vedono figlie di Melpomene. Molti affermano che fossero compagne di Persefone o di Demetra. Fu al momento del ratto di Persefone che le sirene avrebbero preso il volo verso la Sicilia; vennero attribuite loro ali e corpo da uccello per volare alla ricerca della vergine rapita.

Qualcuno avanza l’ipotesi che l’esser state trasformate in uccelli fosse una punizione per non essersi opposte al rapimento della loro padrona.

Più indulgenti, gli uomini, ne fecero l’immagine delle armonie celesti che cantano per la gioia dei Beati nelle Isole Fortunate.

Nel Medioevo, la sirena, affascinante e crudele, si confonde spesso con l’inquietante arpia, avvoltoio del mondo sotterraneo...

Risale forse a questa fase storica la trasformazione radicale della sirena che, in veste di donna-pesce, si fa, via via, sempre più simbolo di pericolosità. Le sirene hanno perso l’oscurità dei loro capelli; ora sono bionde, hanno chiome lunghe e fluenti, ondulate come il mare. Assieme allo specchio, simbolo che rimanda al doppio, all’ombra e all’inganno, le sirene usano il pettine, termine che, etimologicamente, rimanda alla sessualità. Ciò che lo specchio offre è l’immagine di un corpo nel quale la parte animale ha preso il sopravvento.

Le sirene moderne sono impregnate di una sessualità che era totalmente assente nelle sirene primitive.

Nella mitologia greca, infatti, esse furono addirittura punite da Afrodite per il loro tenace rifiuto a qualsiasi rapporto d’amore.

L’uomo antico cercava nelle sirene quel dono che esse erano capaci di infondere in un attimo di rapimento: il suono della conoscenza.

Ma il cammino umano è lungo e faticoso; non è un caso che solo Ulisse, il progenitore della coscienza (perchè è il primo ad usare il pronome "io") abbia potuto reggere il peso della nuova consapevolezza sopravvivendone.

Se prima potevano allettare e far perire nel languore e nella malìa del loro canto celestiale, nel medioevo il corpo diventa protagonista. Da solari (l’oro del sole fermato nei capelli) le sirene diventano lunari, inserite in un tempo ciclico, mutabile e misurabile. Esseri lunari sottomessi alla temporalità e alla morte, come la luna che nasce, cresce, decresce nel buio per poi risorgere.

Sirena viene da sereno o da sera. Il crepuscolo evoca la pericolosità ed il rischio di essere divorato.

Nel Medioevo, periodo della Scolastica, dei Padri della Chiesa, delle Crociate e di una diffusione sempre più dogmatizzata del Cristianesimo, le sirene perdono dunque le ali; come nelle rappresentazioni alchemiche è la caduta dell’anima.

Figure per metà pesce e per metà donna, tra il mare, simbolo di un inconscio ancora divorante, e la terra, luogo dell’uomo e regno assoluto dell’Ego.

Dall’armonia celeste - le ali da uccello dell’antichità - che si diffonde tra gli uomini attraverso un canto che è suono, ancora troppo potente, della conoscenza, alla "perdizione" nel profondo mare dove, per la prima volta, le sirene iniziano a specchiare il loro corpo nudo e a vedersi come illusione.

Il primo autore medioevale a parlare delle sirene e del loro canto mortale è Richard de Fournival nel "Bestiario d’amore" del 1250. Molti viaggiatori narrarono di averne vedute e ne interpretarono i comportamenti come segni prognostici. Anche Colombo (scopritore del mondo "nuovo") ne vide tre che danzavano sulle onde, mute e anche molto brutte. Due sono gli animali marini che, con le loro forme, ben si prestano a supportare le leggende: il lamantino, un mammifero che vive alla foce dei grandi fiumi africani e americani, e il dugongo, cetaceo erbivoro dell’Oceano Indiano. Entrambi hanno grandi seni rotondi privi di peli; quando allattano emergono dall’acqua con il tronco.

Nel 1614 viene descritta una storia d’amore tra un marinaio ed una sirena.

Le storie d’amore tra l’uomo e la sirena sono meravigliose ma finiscono sempre male: l’uomo, accompagnato nelle profondità degli abissi in palazzi sottomarini, non può più liberarsi dal vincolo di quell’amore.

Molto disponibili ad aiutare i naufraghi, li nutrono e li accudiscono ma poi, nei rapporti "traditi", non li lasciano andar via e spesso li uccidono.

Nelle leggende popolari sono presenti con vari nomi: in Germania è la "nixen", sirena malvagia che spinge l’uomo al suicidio; nei Paesi Bassi le "Merminnes", meno crudeli ma molto vendicative.

Come simbolo, la sirena è sempre molto presente nelle rappresentazioni iconografiche più antiche e resta vivo a lungo nelle miniature, nei capitelli, nei blasoni e nelle incisioni.

E’ curioso che i tipografi, in passato, abbiano scelto l’insegna della sirena a doppia coda quale simbolo della conoscenza e della cultura umanistica.

Tra le due branche del sapere, il due dell’opposizione e del conflitto diremmo noi oggi, si apre il sesso affascinante, l’antro marino: è il femminile quale ritorno al tutto, origine e fonte di ogni sapere, vera porta dell'"altro" mondo.

E’ nel Medioevo, dunque, che la sirena diventa un mostro creato dalla fantasia dell’uomo solo, isolato, come lo è il marinaio sempre in viaggio, ossessionato dall’immagine della donna. E’ l’emblema del demonio che seduce l’uomo ai piaceri della carne spingendolo alla dannazione.

La sirena è il fantasma della sessualità esigente e della tristezza post-coitale: l’incanto, la fascinazione e la malìa della prima fase, quella del desiderio erotico, si trasforma in prigionia e morte. Una morte inutile e definitiva se l’amore è vissuto nell’immediatezza e nell’orizzontalità. Poichè da sempre, amore e conoscenza formano un tutt’uno inscindibile con l’uomo ed il suo stesso divenire.

Laura Ottonello

 

 

Al mercato troneggia elegante sul banco di marmo del pescivendolo: il pesce spada, il nobile dei pesci. Quarti di esso, tagliati a trance, giacciono tra le teste esposte come trofei, incoronate da un’arma ormai inutile.

Nello stretto lo chiamano il pesce cavaliere, per il rango nobiliare che gli conferisce la luminosa spada e, ancora di più, per il coraggio e la fierezza nella lotta e la fedeltà alla sposa, prima di cadere, nobile combattente, vinto dal ferro dell’uomo.

Il nostro pesce spada appartiene alla famiglia degli "Xifidi". Il suo nome scientifico è “Xiphies gladius”, dal greco xiphies=spada e dal termine latino "gladius", aggiunto da Linneo per indicare la specie. E' pescato nei nostri mari caldi in cui è parecchio diffuso. Velocista e di carattere molto combattente in senso assoluto; molte le affermazioni che lo confermano. Nel periodo della riproduzione, in primavera-estate, si avvicina alle coste. Può raggiungere la lunghezza di quattro-cinque metri e superare i 300 Kg. di peso.

Ha una proprietà morfologica peculiare rappresentata dall’eccessivo sviluppo della mascella superiore, che si prolunga in una spada "rostro", tagliente ed acuminata, il corpo affusolato e cilindrico e di colore grigio blu scuro sul dorso, mentre la parte ventrale è biancastra.

Spesso, nelle reti, si catturano i piccoli, che in dialetto si chiamano "puddicineddi", equivalente di pulcinella, per il semplice ma grottesco fatto di assomigliare in tutto e per tutto al pesce adulto.

Diversamente dal tonno, il pesce spada non ha avuto la stessa diffusione commerciale: niente scatole né barattoli; solo in tempi recenti i mercati si sono arricchiti di alcuni prodotti privilegiati, come i tranci di pesce spada affumicati o congelati o le uova preparate in "bottarga" (dall’arabo batarikh) che si presentano, pressate e salate, in "sasizzuni" o "carrubbeddi", data la somiglianza con le salsicce o con le carrube.

La pesca del pesce spada era una volta privilegio esclusivo della città dello stretto e fu lungamente praticata da popoli come fenici, romani e greci. Utilizzando antichi metodi, riti e tradizioni, al pari della mattanza, i pescatori cantano le loro cantilene in greco; cantano per superstizione, credendo che il pesce potrebbe sfuggire alla cattura qualora i versi fossero cantati in altra lingua.

Si racconta che i pescatori siciliani, per catturare il pesce spada, "gli sussurravano una filastrocca grecale, e in questo modo il pesce rimaneva fermo ed incantato, divenendo facile preda da catturare".

Durante la dominazione araba furono affinate le tecniche di cattura, adottate per molto tempo, sino ai giorni nostri: si svolgeva con un rituale assai complicato, basato sulla prontezza dei pescatori che utilizzavano un metodo semplice e arcaico: l’arpione, una piccola fiocina a due punte, detta "draffinera", legata ad una lunghissima sagola, lanciata da una passerella montata a prua di un’agile barchetta da inseguimento denominata "luntri", dalla forma esile e veloce, dava al pesce infilzato la possibilità di nuotare fino a quando, stremato, si lasciava tirare a bordo.

Da quando è catturato in mare aperto la sua pesca si è estesa anche nel golfo di Palermo, con il sistema più ingegnoso della pesca artigianale: il "palangaro" di superficie. Ciò ha permesso ai pescatori di modificare i loro armamentari.

Grosse imbarcazioni sono predisposte in primavera e la pesca si protrae fino a luglio inoltrato. Talvolta si spinge sino alla fine d’agosto.

Il "palangaro" è un attrezzo costituito da una lenza madre di nylon di sufficiente spessore, lunga da 7 a 8 miglia marine, alla quale sono fissati alcune centinaia di braccioli, ciascuno dei quali, in prossimità della superficie, viene sostenuto da particolari galleggianti, "bacaredde", di sughero o da contenitori di plastica. Alla estremità di ogni bracciolo è fissato un amo a cui viene attaccata l’esca per la cattura del pesce spada; di solito sono dei pesci di cui è ghiotto: totani, alici e sgombri. Per riconoscere l’attrezzatura nell’orizzonte marino, si pongono aste galleggianti o canne sulle quali vengono attaccati dei drappi neri svolazzanti come bandiere.

Le ricette per gustare il "pesce spada": Tantissime le ricette che ne esaltano la bontà, poiché le carni sono molto ricercate già dall’antichità. Archèstrato, gastronomo del IV secolo a.C, detto “il cuoco degli Dei” , compose dei versi e una vera e propria “raccolta gastronomica” indicando per ciascuna pietanza il luogo, la stagione migliore, le caratteristiche, la ricetta più appetitosa. All’analisi di Archèstrato non sfugge il pesce spada, del quale, esaltandone le qualità, segnala i diversi modi per prepararlo. E ben sappiamo che, tenero come il burro, si presta alla preparazione di eccellenti primi piatti, di fantasiosi secondi, ma anche di appetitosi antipasti.

La cucina messinese, con la “ricetta alla messinese” ne fa il suo trionfo di gola. Nel palermitano, oltre a preparare degli ottimi primi, si utilizza in particolare la parte tra la nuca e il dorso, la "scozzetta" e la "scarpa", quella vicina alla coda, che il più delle volte sono associate alle verdure di stagione: melanzane e peperoni.

Tra le preparazioni più rinomate spiccano senza dubbio gli involtini di pesce spada alla palermitana, sottilissime fettine arrotolate su se stesse, arricchite con aromi intriganti, passate nell’olio e panate nel pan grattato. Gustare per credere !

Il carpaccio è la maniera più semplice per assaporarne la freschezza: tagliato a fettine sottilissime, si lascia macerare alcuni minuti in un largo piatto con olio, limone e un pizzico di sale e pepe. Viene poi gustato con una spruzzatina di prezzemolo tritato o di mentuccia.

Arrostito alla brace o sulla piastra ardente, tagliato a "ruota" e insaporito da una salsetta composta da abbondante olio e limone, cosparso di foglie di menta, sprigiona il suo ineguagliabile profumo.

Alcuni pescivendoli del mercato del Capo si sono cimentati nella realizzazione della “salsiccia di pesce spada”, macinandone le carni, insaporite con gli aromi e insaccate nel classico budello. La cottura alla brace ha dato ottimi risultati. Di recente, da Lampedusa, alcuni produttori locali commercializzano, già confezionato, il pesce spada affumicato, la ventresca, le uova, in diverse combinazioni.

La grossa barca dall'insolita sagoma avanza pigramente fendendo l'azzurra distesa del mare resa più luminosa dai tiepidi raggi di un sole primaverile. Dall'alta vetta dell'albero centrale, audacemente proteso verso il cielo, gli acuti occhi dell'avvistatore, 'u falerotu (anche 'ntinneri), scrutano la calma superficie dell'acqua nella speranza di intravedere, ancora una volta, la scura sagoma del pesce spada.

Improvvisamente un secco comando, istantaneamente eseguito dal motorista: "Aumenta!" e lo scafo sotto la potente spinta del motore portato al massimo dei giri scatta verso il punto dove il pesce, ignaro del suo fatale destino, nuota pigramente cullando il suo sogno d'amore. Ormai la strana agitazione, che si verifica puntualmente ad ogni avvistamento, regna sulla barca e l'esultanza dell'equipaggio è frenata solo dal timore che il pesce possa immergersi sfuggendo alla cattura.

Il lanciatore, dal cui viso non traspare alcun segno d'emozione, si erge maestoso, quasi polena di antica nave,  sull'estremità della "passerella" brandendo con braccio fermo la lunga asta munita dell'arpione. Ancora qualche istante d'attesa e poi, dopo la tradizionale invocazione a "San Marcu binidittu" protettore di questo tipo di pesca, scaglia con forza e precisione il suo mortale attrezzo che, con un tonfo sordo, penetra nella preda incuneandosi profondamente nelle sue carni.

L'animale, superati i primi attimi di smarrimento ed impazzito per il lancinante dolore, cerca scampo nella fuga inabissandosi, ma una sottile e robusta sagola, 'a caloma, saldamente assicurata all'arpione, si dipana velocemente dal capace cesto di vimini dove è riposta spira sopra spira, precludendogli ogni speranza di salvezza.

La lotta è disperata, il pesce avverte che per lui è finita ma, mentre il sangue sgorga copioso dalla ferita rubandogli le forze, tenta con un estremo guizzo di liberarsi dal ferro che gli lacera le carni. Il suo cuore, che ha tenacemente lottato, cede di schianto e 'u pisci viene issato di peso a bordo.

L'acqua, muta testimone del dramma, ritorna immobile, il motore riattacca il suo borbottio. Ricomincia la ricerca di una nuova preda.  

La pesca con i pescherecci dotati di "passerella" è molto più redditizia rispetto a quando il pescespada veniva inseguito da un "luntro" a remi guidato a voce dall'avvistatore sulla "barca madre" (feluca) ormeggiata sulla "posta" assegnata: fu introdotta agli inizi degli anni sessanta da alcuni marinai siciliani recatisi a pescare nel Mar dei Caraibi mutando radicalmente una millenaria tradizione.

La "passerella", una barca molto più grande, è fornita di un potente motore che, oltre a rendere l'avvicinamento più veloce, risparmia ai pescatori la disumana fatica di una giornata di voga; il lungo ponte che si protende dalla prua per parecchi metri, porta il lanciatore a trovarsi quasi a perpendicolo sul pesce, condizione vantaggiosa per colpirlo.

La maggiore altezza dell'albero centrale ha eliminato la vedetta da terra, 'u bandiaturi, riuscendo l'avvistatore dalla barca a spaziare per un maggior tratto di mare e, una volta avvistato il pesce, a manovrare dall'alto il timone dell'imbarcazione.

Il pesce spada uno dei più grossi teleostei viventi (un esemplare catturato nel 1956 in Cile raggiungeva i quattro metri di lunghezza ed i 250 kg. di peso, e nelle tonnare siciliane sono stati catturati esemplari fino a 300 chilogrammi) è anche un veloce nuotatore, raggiungendo facilmente la velocità di oltre 70 km orari.  

 

Stoccafisso alla messinese Ingredienti:  Stoccafisso già ammollato 1 Kg.  3 Cipolline,  Capperi 50 gr,  Olive nere snocciolate 100 gr.,  Il cuore di un sedano  Pomodori pelati 500 gr.  Patate 500 gr.  Vino bianco secco un bicchiere,  Peperoncino, Olio extra vergine. Preparazione: In una casseruola soffriggere a fuoco dolce le cipolline tagliate sottilmente, aggiungere il pescestocco, il sedano sbollentato, le patate tagliate a pezzetti e le olive. Salare q.b. e aggiungere il peperoncino (uno piccolo tagliuzzato oppure in polvere). Bagnare con il vino bianco facendolo evaporare a fiamma leggermente più viva. Aggiungere i pelati e adesso fare cuocere a fiamma bassa per circa un'ora, aggiungendo se necessario acqua calda per non far restringere troppo il sugo, aggiungere i capperi 15 minuti prima di ultimare la cottura.  

 

Appartiene all'ordine dei Perciformi, sottordine Scombroidei, famiglia Xiphidae. Il nome del genere, Xiphias (in greco "spada", denominazione attribuitagli anticamente da Aristotele), è rimasto immutato per 2.400 anni. Successivamente Linneo (1758) nell'introdurre la nomenclatura binomiale, aggiunse al nome greco il termine latino di gladius per indicare la specie.

Chiamato dai greci anche Galeotas, viene definito dal Fiore - che fa riferimento a Plinio II, Thaureanus, dal nome della città di Taureana presso Palmi, distrutta nel 1500 dalle invasioni saracene, dove fin da quei tempi se ne praticava la pesca.

In alcuni frammenti a noi pervenuti, Archestrato di Gela (presso Ateneo), parlando anche dell'anguilla e della murena, decanta la bontà gastronomica del pesce spada definendolo "cibo divino", mentre Oppiano di Cilicia nel suo De piscatione ne descrive i comportamenti.

Il fiorentino Paolo Giovio paragona le carni di questo pesce a quelle dello storione, mentre di parere diverso è Aldovrandi che, meravigliandosi di quanto asserito dal Giovio, afferma che la sua carne è "di malissima digestione, di difficile cottura e chiunque deve astenersi dal mangiarne". Dopo queste affermazioni, sorge legittimamente il dubbio che anche nel passato agli ignari degustatori venisse ammannito come pescespada qualche altro tipo di pesce molto meno appetibile.

La combattività: La combattività di questo pesce è documentata fin dall'antichità da notizie di attacchi alle imbarcazioni, a volte con il ferimento dei marinai. Il 6 luglio 1967 un esemplare di 89 kg. attaccò il sommergibile oceanografico "Alvin" che si trovava immerso a 610 m. di profondità al largo di Savannah nell'Atlantico, restando incastrato con la spada in una giuntura dello scafo; gli operatori di una nave-fattoria russa hanno trovato, infisso nelle carni di una balena, un troncone di spada lungo 70 cm.

Nello Stretto di Messina nel corso delle sue migrazioni primaverili percorre il tratto di mare tra Scilla, Bagnara e Palmi in Calabria, per la riproduzione, poi all'inizio dell'estate inverte la rotta costeggiando lo stretto dal lato della Sicilia.

La sua pesca è una tra le più antiche che si conoscano: viene descritta da Omero nel canto XII dell'Odissea (vv.98-98), menzionata da Strabone e descritta dettagliatamente da Polibio; ne parla anche il Barrio.

Verso la fine del 1660 il gesuita napoletano Nicolò Giannattasio, ospite del principe Francesco Maria Ruffo, ebbe modo di assistere dall'alto del castello di Scilla a questa pesca, cantata in seguito in esametri latini nella sua opera Halieutica; l'argomento venne trattato successivamente nello stesso stile, apprezzabilmente, dallo scillese Diego Vitrioli nel suo poema Xiphia.

Fino agli anni '60: Fino agli anni '60 del XX secolo questa pesca veniva praticata come descritta da Polibio e quindi con le stesse modalità dell'epoca greca, ed ancora oggi molti termini dialettali usati dai pescatori non sono altro che inequivocabili corruzioni dei corrispondenti termini greci.

In questo tipo di pesca ormai non più praticata le barche dette "luntri" o "schifi" erano manovrate da cinque robusti rematori, che facevano procedere la barca con la poppa, sopra la quale stava il lanciatore - 'u lanzaturi; due dei quattro lunghissimi remi, quelli più verso poppa, poggiavano su scalmi ricurvi sporgenti circa un metro dai bordi della barca per meglio equilibrarne il movimento ed imprimerle una maggiore velocità.

Il rematore centrale, detto "mezziere", a differenza degli altri impugnava i due remi insieme; il "falerotu", o "ntinneri", dalla cima del piccolo albero posto al centro della barca, dirigeva le operazioni di avvicinamento alla preda seguendo le indicazioni che la vedetta, appostata su un'altura in riva al mare ("guardiola") o sulla antenna della feluca ("ntinneri") - gli trasmetteva a voce agitando una bandierina bianca.

Ritto in piedi stava 'u lanzaturi con la lancia in mano, che generalmente era il capociurma, "u patruni", a cui tutto l'equipaggio doveva cieca ubbidienza, dato che su di lui incombeva la responsabilità del felice esito del lancio, effettuato anche a distanza di sette, otto metri dalla preda.

La fase che precedeva la cattura:  Questa fase era caratterizzata dal continuo vociare della vedetta e poi del "falerotu" che, oltre a dare le necessarie indicazioni sulla rotta, incitava i compagni alla voga.

La lancia d'elce, e non di quercia o di abete come ai tempi i Polibio, era incastrata con una estremità al corpo dell'arpione; a circa dieci o quindici centimetri dalla punta di questo erano - ed il sistema di costruzione viene adottato ancora oggi - collocate quattro alette, che una volta penetrate nel corpo del pesce impedivano all'arpione di sfilarsi.

Appena arpionato il pesce, l'uomo del faliere scendeva dall'albero del "luntro" e correva ad aiutare il lanciatore a manovrare la sagola a cui era ormai attaccato il pesce spada (o tonno, o anche squalo o aguglia imperiale).

La pesca con l'arpione oggi è quasi soppiantato da quella con i "palangresi", lunghe lenze con centinaia di ami che operano in tutte le stagioni e catturano anche gli "spadelli" ("puddicinedda"), i piccoli pesci spada di pochi chilogrammi.

Finché furono adoperati i "luntri" e le "feluche" fu vera caccia, Domenico Modugno descrive la tragedia di due pesce spada, "lu masculu e la fimminedda" incappati nella pesca con l'arpione (Clicca sulla foto per il suo sito ufficiale); poi con le "passerelle" divenne pesca, mentre con i "palangresi" oggi è un'industria; poi vennero anche le "spadare", enormi reti galleggianti che hanno ucciso tutto quanto capitava vicino, pesci spada grandi e piccoli, tonni, delfini, balenotteri.... Domani potrebbe non esserci più né caccia, né pesca, né industria.

Odissea, XII
Scilla ivi alberga, che moleste grida
Di mandar non ristà. La costei voce
Altro non par che un guaiolar perenne
Di lattante cagnuol: ma Scilla è atroce
Mostro, e sino a un dio, che a lei si fesse,
Non mirerebbe in lei senza ribrezzo,
Dodici ha piedi, anteriori tutti,
Sei lunghissimi colli e su ciascuno
Spaventosa una testa, e nelle bocche
Di spessi denti un triplicato giro,
E la morte più amara di ogni dente.

La tradizione popolare vuole invece che in tempi antichissimi, le acque dello stretto di Messina, fossero abitate dalle Sirene che con il loro canto melodioso ammaliavano i naviganti, che rapiti da questo suono conturbante dimenticavano le loro navi che, senza guida, si infrangevano sugli scogli e si perdevano tra i flutti.

Per la loro pericolosità, nell’antichità, tutti i naviganti stavano lontani da questi luoghi, tutti tranne il mitico Ulisse che spinto dalla sua proverbiale curiosità, mise dei tappi di cera nelle orecchie dei suoi compagni e si fece legare all'albero della sua nave per ascoltare il canto delle sirene, riuscì nel suo intento ma, dopo il naufragio, provocato dal sacrilegio contro i buoi del Sole, fu aspirato dalla corrente di Cariddi. Aggrappatosi ad un albero di fico, che cresceva rigoglioso all'entrata della grotta in cui si nascondeva il mostro, Ulisse si mise in salvo e riprese la navigazione.
A quei tempi viveva nei pressi di Messina un giovane chiamato Gigante che alla forza prodigiosa univa un coraggio smisurato e una forte conoscenza delle acque dello Stretto, si sentiva capace di catturare le Sirene, visti i danni che esse continuavano a causare a chi navigava. Legò una lunga corda ad una campana, sulla rupe sovrastante la dimora abituale di Scilla, per dare un segno di vita durante la sua permanenza sott’acqua. Prese con sé il capo della lunga fune e sparì tra le onde. Andò a cercare Scilla e trovatala la legò con una grossa fune. Fu vana la resistenza disperata di Scilla, egli la trascinò con sé alla ricerca di Cariddi fino a che non la trovò e la incatenò per il collo, poi le trascinò entrambe a riva. I messinesi, in segno di gratitudine, innalzarono a Gigante una statua con ai lati due sirene.
Oggi la realizzazione del ponte sullo stretto, lungo oltre 33 metri, sembra rievocare le antiche gesta omeriche. La realizzazione di questo progetto sarebbe la vittoria della razionalità, dell’industriosità e dell’intelligenza dell’uomo sulla violenza della natura, ma la sua riuscita è costantemente intralciata da difficoltà che affermano quello che è il dominio assoluto del mare con le sue correnti rapide e irregolari e il colore cupo delle acque profonde fino a 150 metri.

Odissea - Canto XII

Rispettavan l'armento. E già la nave
Nulla contenea più. Gìvano adunque,
Come il bisogno li pungea, dispersi
Per l'isola, d'augelli e pesci in traccia,
Con archi ed ami, o di quale altra preda
Lor venisse alle man; però che forte
Rodeali dentro l'importuna fame.

Xiphias gladius. La leggenda vuole che l’unica creatura incapace di provare orrore per la mostruosità di Scilla fosse lo “Xiphias gladius”, meglio conosciuto come pesce-spada, che durante la stagione degli amori raggiungeva in grossi branchi questo tratto di mare proprio per corteggiarla. Da qui l’abbondanza di pesce-spada lungo lo Stretto, che è il motivo della pesca tradizionale di questo pesce, che da tempo remoto è praticata all’antica maniera dei fenici, unico popolo che abbia svolto mestieri tutti legati al mare.
Questo tipo di pesca può essere d’alto mare quando il pesce è catturato con la fiocina, oppure marittima e costiera se è esercitata lungo le rive con barche e remi. La pesca diurna, fino a poco tempo fa, era praticata su postazioni stabilite lungo la costa, assegnate a sorteggio e utilizzate a rotazione giornaliera dagli equipaggi.
Il pesce spada vi giunge, ogni anno fra marzo e luglio dalle lontane regioni polari per deporre le sue uova, mentre scompare dalla superficie delle acque nei mesi autunnali e invernali, a causa della loro torbidezza, per rifugiarsi negli alti fondali dove le acque sono più limpide per la diminuzione dei moti ondosi. Durante i mesi estivi, i pescatori scillesi e peloritani praticano questo tipo di pesca con tipiche imbarcazioni a remi, la feluca o il lustro, con l’avvistatore issato sulla cima dell’albero, che scruta la superficie del mare per scoprire la presenza del pesce, di cui alla metà del Cinquecento ci ha lasciato affascinanti immagini il pittore fiammingo Peter Bruegel e ha ispirato il poema Xiphias del latinista reggino Diego Vitrioli, col quale nel 1845 vinse il primo premio del concorso mondiale di poesia latina di Amsterdam.

 

 

Pesce spada alla messinese Si tritano finemente 1 mazzetto di prezzemolo; 4 spicchi d'aglio, 2 te- nerissime carote; 1/2 cipolla; il cuore di un sedano verde; unire qualche foglia di basilico, sale e pepe, e fare insaporire il tutto con 4 cucchiai d'olio per 5 minuti. Aggiungere 1 tazza abbondante di salsa di pomodoro; 50 gr. di capperi; 20 olive verdi snocciolate; e 1/2 bicchiere d'acqua; mescolare, tuffarvi le trance ( 1,5 Kg .) di pesce spada, e portare a bollore. Far cuocere per 30 minuti a fiamma bassa. Con il sugo di cottura si può condire anche la pasta asciutta. Variante. Una variante comune prevede l'aggiunta di patate tagliate a dischi; 1 cucchiaio di pinoli; basilico: olive nere al posto delle verdi.

 


Numerosi poeti, scrittori e pittori hanno cantato e rappresentato questa terra, lasciando una traccia indelebile nella nostra memoria. Talvolta, durante la pesca, l’attesa è lunga e può durare parecchie ore; quando il pesce è avvistato, l’uomo di vedetta lancia uno strano grido in dialetto greco, così come tutti i termini marinari usati dai pescatori durante la loro attività. Lo strumento usato per colpire il pesce è detto ferru, ed è impugnato dal fariere, che se ne sta a prua pronto al colpo. Il resto dell’equipaggio è impegnato a dirigere l’imbarcazione nel punto segnalato. Dal dopoguerra le piccole imbarcazioni sospinte dai rematori sono state sostituite con quelle a motore, lunghe oltre 12 metri, dalla cui prora si diparte una lunga passerella su cui si muove il fiocinatore, ma lo spettacolo della pesca del pesce spada conserva tuttora il suo aspetto folkloristico.
La “corrente” che rende il pesce più “lavorato” e quindi anche più gustoso è determinata dalle fasi lunari: la luna piena causa una corrente forte che trasporta pesci “di passa” (di passaggio) mentre la seconda luna favorisce una corrente portatrice di grandi quantità di “mangianza” (pesci piccoli). Nello Stretto si trovano numerosi tipi di pesce: alalunghe, costardelle, alici, sarde, aguglie, viole, scorfani, cicirielli, calamari, tonno, pescecane, dentice, cernie, ope, occhiate, minule, smirine. Sotto le rocce si trovano pesci pregiati come il merluzzo, il sarago, la spinola e i cefali per i quali è necessario praticare la pesca subacquea.
Pesci provenienti da altre zone sono le anguille e le murena, chiamate dai greci plotoe e dai latini flutoe. Esse rappresentavano un cibo prelibato per i romani ed hanno perfino ispirato alcuni poeti come Marziale e Archestrato. Quest’ultimo, nei suoi versi, ha lodato soprattutto l’anguilla che si pesca nel mare di Reggio: “tienila in onore tra tutte le altre”. Giovenale rivolgendosi a Virrone ritenuto un goloso di pesci, confonde qui il pesce spada con la murena:Virroni muraena datur que maxima venit gurgide de siculo (lo stretto); nam dum se continet auster, dum sedet et siccat madidas in carcere pinnas contemnunt temeraria lina Charybdim" (Cariddi).

 

Nei primi anni del secolo Pascoli dedica ad Ulisse più di un componimento: “Il ritorno”, incluso nella raccolta Odi e Inni, il cui tema prevalente è quello della nostalgia per la patria lontana, e “L'ultimo viaggio” che rientra nella raccolta dei Poemi conviviali del 1904. Qui l'epopea antica è interpretata alla luce di significati estremamente moderni.

L'astuto e inarrestabile eroe greco, una volta tornato a casa dal celebre viaggio, trascorre la vita invecchiando accanto all'amata moglie. Ma in lui rimane acceso un qualcosa difficilmente decifrabile, l'attesa di un qualcosa di indefinito, un'inesauribile sete di conoscenza. Passati dieci anni, decide di colmare il vuoto creatosi nella sua anima con un ultimo viaggio, una seconda odissea verso i luoghi visitati la prima volta, da consumarsi con i vecchi compagni superstiti. L'Odisseo pascoliano è triste e deluso, vecchio e stanco, pieno di dubbi, dominato dall'ansia di cogliere il vero senso delle cose. Dopo tante peregrinazioni ritorna ai luoghi del passato, vivi ancora nella sua memoria, non per compiere nuove audaci imprese, ma per comprendere il senso dell'esistenza. Il suo ultimo viaggio è un vano errare, ben lontano dal coraggio e dalla sicurezza dell'Ulisse omerico, dalla sua volontà di accettare la sorte e di sopportare le sofferenze. La sua sete di conoscenza si è mutata nell'impossibilità di acquisire certezze, anzi, ha sollecitato in lui ulteriori dubbi e interrogativi.

«Son io! Son io, che torno per sapere! / Chè molto io vidi, come voi vedete / me. Sì; ma tutto ch'io guardai nel mondo, mi riguardò; mi domandò: Chi sono?»

Così Ulisse lancia alle due immobili Sirene la sua domanda. Vuole capire quale sia il significato dell'esistenza, ma le Sirene non rispondono, e lasciano schiantare la nave nera dell'eroe tra gli scogli. Come in Dante, l'ultimo viaggio si conclude con il naufragio: «tra i due scogli si spezzò la nave» e il corpo dell'eroe approda all'isola di Calypso. «Giaceva in terra, fuori / del mare, al pié della spelonca, un uomo / … Era Odisseo: lo riportava il mare / alla sua dea: lo riportava morto».

Sarà Calypso a fornirci la tragica risposta all'interrogativo di Ulisse: «Non esser mai! Non esser mai! Più nulla ma meno morto, che non esser più!». Il senso delle parole della dea è drammatico: meglio per l'uomo non nascere, dato che deve inevitabilmente morire. Ulisse perde così le sue certezze per diventare il simbolo della crisi di valori che caratterizza il Decadentismo.  

CIRCE Maga dell'isola di Eea. Il suo era un amore subdolo e velenoso, dato che pur di renderlo corrisposto, nonostante la sua rinomata bellezza,  non esitava ad utilizzare le sue insidiose magie. Significativo fu il trattamento che riservò a Scilla, sua rivale nel corteggiamento di Glauco: contaminò infatti la sorgente in cui la ragazza era solita bagnarsi con una pozione magica in modo che, quando questa si immerse, venne tramutata nel mostro da dodici zampe e sei testa che, in coppia con Cariddi, divenne lo spauracchio di tutti i marinai che passavano per lo stretto di Messina, compreso Odisseo. Tuttavia questo fascino "oscuro" colpì anche l'eroe di Itaca, che dopo essere sfuggita alla trappola della maga, passò un anno intero accanto a lei.

L’Odissea continua con la richiesta di vendetta nei confronti di Odisseo di Polifemo al padre Poseidone, mentre Ulisse non riesce a raggiungere Itaca a causa della curiosità dei compagni, che mentre egli dorme decidono di vedere il contenuto dell'otre regalato da Eolo e dal contenitore escono tutti i venti che fanno sfumare il possibile ritorno dell'eroe di Itaca a casa sua.  Ma subito dopo una sciagura ancora peggiore si abbatte sulla piccola flotta di Odisseo: il popolo dei Lestrigoni, enormi uomini cannibali, che appena si accorgono dei visitatori, li aggrediscono ferocemente divorandone uno e affondano con dei massi tutte le navi che rimangono eccetto quella di Odisseo che sbarca con i restanti compagni sull'isola di Eea, dove, dopo due giorni di diffidenza passati a riposarsi, manda i suoi compagni alla casa della maga Circe, una figura misteriosa e conturbante su cui vale la pena soffermarsi.

«Trovarono nelle valli il palazzo di Circe, costruito con pietre lisce, in un luogo isolato. E intorno ad esso c'erano lupi di montagna e leoni che lei aveva stregato, dando loro droghe maligne. E quelli non si avventarono contro gli uomini, ma dimenando le lunghe code si rizzarono sulle zampe.

«Come quando intorno al padrone che viene dal banchetto, scodinzolano i cani, ché sempre porta ghiottonerie: così intorno a loro agitavano la coda i lupi di forte unghia e i leoni. Ed essi ebbero paura al vedere i bestioni terribili.

«Si fermarono nell'atrio della dea dalle belle chiome. Sentivano Circe cantare dentro con voce soave, mentre tesseva una tela grande, immortale, come sono i lavori delle dee, sottili e splendenti e pieni di grazia.

«Tra loro prendeva a parlare Polite, capo di uomini, che mi era il più caro e il più fidato dei compagni. Diceva: ‹Amici, dentro c'è una che tesse una grande tela e canta con bella voce: tutta la campagna ne risuona. O è una dea o donna mortale. Via, mandiamo un grido subito!›

«Così parlò. Ed essi con un grido la chiamavano.

«Ella ben presto uscì aprendo i lucidi battenti della porta, e li invitava dentro. Ed essi tutti insieme nella loro semplicità la seguivano. Ma Euriloco non si mosse, ebbe il sospetto che ci fosse un inganno.

«Li faceva entrare. Li mise a sedere sulle sedie e sugli alti seggi. E' per loro mescolava formaggio e farina d'orzo e miele verde con vino di Pramno, e univa a quel cibo droghe malefiche: voleva che si scordassero completamente della patria.

«E dopo che glielo diede ed essi l'ebbero bevuto, subito poi li colpiva con la sua verga e li chiudeva nei porcili. Ed essi avevano, dei maiali, le teste e la voce, le setole e l'aspetto, ma la mente era immutata, come prima.

«Così stavano rinchiusi e piangevano. A loro Circe gettò innanzi ghianda di leccio e ghianda di quercia e il frutto del corniolo, da mangiare: sono i cibi consueti dei porci che si sdraiano a terra.  

 

Pasta 'ncasciata a' missinisi Ingredienti: 600 gr. di magliette di maccheroncino, 200 gr. di tuma o caciocavallo fresco, 200 gr. di carne tritata, 50 gr. di mortadella o salame, 2 uova sode, 4 melenzane, 100 gr. di pecorino grattugiato, salsa di pomodoro, mezzo bicchiere di vino bianco, basilico, olio, sale e pepe.

Tagliate le melenzane a fette e friggetele dopo averle tenute per piu' di un'ora in acqua e sale. Soffriggete in tanto il tritato in un tegame, con olio abbondante, sfumate col vino e completate la cottura aggiungendo qualche cucchiaio di salsa di pomodoro. Lessate la pasta, scolate la al dente e conditela in una zuppiera con la salsa di pomodoro. Prendete una teglia ben unta e spolverata di pangrattato e versatevi le magliette alternandole a strati con la carne tritata, le melenzane fritte, il formaggio grattugiato il basilico, le upva sode, la tuma ed il saleme tagliati a fette. Chiudete l'ultimo strato di pasta con melenzane, salsa e molto pecorino. Passate al forno caldo per circa 20 minuti. Il formaggio, sciogliendosi al calore del forno una leggera crosta dorata (da cui il nome 'ncaciata, da cacio). 

 

«Euriloco giunse ben presto alla nave a dire la novità riguardo i compagni e l'amaro destino che era loro toccato. Ma non poteva pronunciare neppure una parola, benché lo desiderasse e volesse, colpito com'era da grande dolore. Gli occhi gli si riempivano di lacrime, dentro di sé non pensava che a piangere.

«Ma quando noi tutti stupiti lo interrogammo, allora finalmente raccontò la morte degli altri compagni. Diceva: ‹Andavamo, come tu comandavi, Odisseo, su per le boscaglie. Trovammo nelle valli un bel palazzo costruito con pietre lisce, in un luogo isolato. Là c'era una che tesseva una grande tela e cantava ad alta voce: una dea o donna mortale. E i compagni con un grido la chiamarono. Ella ben presto uscì aprendo i battenti della porta, e li invitava dentro. Ed essi tutti insieme nella loro semplicità la seguirono. Ma io non mi mossi: ebbi il sospetto che ci fosse un inganno. Sparirono tutti insieme, nessuno di loro comparve più. A lungo io sedevo là e spiavo.›

«Così diceva. Ed io mi cinsi all'omero la spada dalle borchie d'argento - era una grande spada di bronzo - e mi misi l'arco in spalla. E a lui ordinai di condurmi indietro per la stessa strada.

«Ma egli mi prendeva le ginocchia con tutte e due le mani, mi supplicava, e con voce di pianto mi rivolgeva parole: ‹Non menarmi là contro voglia, o discendente di Zeus, ma lasciami qui! So che neppure tu farai ritorno indietro e non riuscirai a condurre via alcun altro dei tuoi compagni. Ma con questi qui, subito, scappiamo! Possiamo ancora sfuggire al giorno funesto.›

«Così parlava. Ed io gli rispondevo e dissi: ‹Euriloco, tu sta' pure qui, in questo luogo, a mangiare e a bere, accanto alla nave. Ma io andrò: ne ho un'imperiosa necessità.›

«Così dicevo. E dal mare salivo verso l'interno.

«Ma quando camminando per le sacre valli stavo per giungere alla grande casa della maga Circe, allora mi si fece incontro Ermes dalla verga d'oro. Somigliava ad un giovinetto al quale spunta la prima barba, e la cui adolescenza è piena di grazia.

«Mi prese per mano, si rivolgeva a me e disse: ‹Dove vai, infelice, per queste alture da solo, ignaro come sei del luogo? I tuoi compagni qui stanno rinchiusi nel palazzo di Circe, come porci, e occupano solide stalle. Vai forse là per liberarli? Neppure tu, te lo dico, farai ritorno, ma resterai invece dove sono gli altri. Ma via, io ti voglio liberar dai guai e salvare. To', con questo farmaco benigno vai dentro il palazzo di Circe: esso terrà lontano dal tuo capo il giorno funesto. E ora ti svelo tutte le malizie e le astuzie di Circe. Ti preparerà un beveraggio, ci metterà dentro delle droghe: ma neppure così riuscirà a stregarti. Non lo permetterà il farmaco che intendo darti: e ti dirò anche ogni cosa che tu devi fare. Quando Circe ti percuoterà con la sua lunghissima verga, tu traiti dal fianco la spada e avventati contro di lei, come se volessi ucciderla. Ella t'inviterà, spaurita, a giacere con lei. Allora tu non rifiutare il letto della dea, se vuoi che ti liberi i compagni e ti accolga ospitalmente: ma imponile di giurare il solenne giuramento degli dei beati, che non vorrà a tuo danno tramare qualche altra sventura. Eviterai che, una volta spogliato, ti renda vile e imbelle.›

«Così parlava l'Argicida, e mi diede l'erba che aveva strappato da terra, e mi mostrò com'era fatta: era nera nella radice, bianco come latte il fiore. Moli la chiamano gli dei. Ma è difficile per gli uomini mortali trarla fuori dal terreno scavando: gli dei invece possono tutto.

«Ermes poi se n'andò su per l'isola selvosa all'alto Olimpo: ed io camminavo verso la casa di Circe e il cuore nell'andare mi batteva forte.

«Mi fermai alla porta della dea dalle belle chiome. E là diedi un grido: la dea udì la mia voce.

«Ella ben presto uscì aprendo i lucidi battenti e m'invitava dentro. Io la seguivo rattristato.

«Mi fece entrare, mi mise a sedere su di un seggio dalle borchie d'argento: era bellissimo, lavorato con arte. E sotto, per i piedi, c'era uno sgabello.

«Mi preparava il beveraggio in una coppa d'oro; e dentro ci mise una droga, meditando la mia rovina.

«E dopo che me lo diede ed io l'ebbi bevuto - e non mi stregò -, mi colpiva con la sua verga, si volgeva a me e disse: ‹Va' ora nel porcile e coricati in mezzo agli altri compagni!›

«Così diceva. Ed io mi trassi dal fianco la spada acuta e m'avventai contro Circe come se volessi ucciderla.

«Lei gridava forte e corse di sotto e mi abbracciò le ginocchia, e con voce di pianto mi rivolgeva parole: ‹Qual è il tuo nome? di che paese sei? Dove hai la città e la famiglia? Sono qui piena di stupore: a bere queste droghe, tu non rimanesti stregato. Nessun altro uomo tollerò queste droghe, a berle, non appena gli passarono in gola. È in te una mente che non si lascia affascinare. Certo tu sei Odisseo. E sempre mi andava dicendo l'Argicida dalla verga d'oro che saresti venuto qui, al ritorno da Troia con la nave. Ma via, riponi la spada nella guaina e noi due poi saliamo sul nostro letto! Uniti in amore, avremo fiducia l'uno nell'altro.›

«Così parlava. Ed io le risposi: ‹O Circe, ma come! M'inviti a essere buono con te, tu che mi hai reso porci nella sala i compagni e mi trattieni qui meditando un inganno e mi dici di venire in camera e di salire sul tuo letto per rendermi così, una volta spogliato, vile e imbelle! Ma io non intendo salire sul tuo letto, a meno che tu non consenta, o dea, a farmi un solenne giuramento, che non vorrai a mio danno tramare qualche altra sventura.›

«Così dissi. E lei subito giurava come volevo.

«Quando ebbe pronunciato il giuramento, allora andai sopra il letto bellissimo di Circe.

«Intanto nella sala si affaccendavano le quattro ancelle che le fanno i lavori per casa. Esse sono figlie dei fonti e dei boschi, e dei sacri fiumi che scorrono al mare.

«Una metteva sui seggi belle coperte color porpora e sotto vi stendeva panni di lino; l'altra collocava davanti ai seggi le mense d'argento e vi posava sopra canestri d'oro; la terza mescolava con acqua dentro un cratere d'argento un vino delizioso, dolce, e distribuiva le tazze d'oro; la quarta portava acqua e accendeva un gran fuoco sotto un grosso recipiente, e l'acqua si scaldava.

«E quando prese a bollire entro il rame lustro, mi faceva, Circe, sedere nella vasca da bagno e mi lavava con l'acqua della grande caldaia, versandomela piacevolmente tiepida giù per il capo e le spalle, finché mi tolse dalle membra la stanchezza mortale. E dopo che mi ebbe lavato e unto abbondantemente di olio, mi mise indosso una tunica e un bel manto e mi menava nella sala. Lì mi fece sedere su di un seggio dalle borchie d'argento: era bellissimo, lavorato con arte. E sotto, per i piedi, c'era uno sgabello.

«Un'ancella recava acqua in una brocca d'oro, assai bella: la versò sopra un bacile d'argento per la lavanda alle mani. E dinanzi stese una mensa di legno levigato.

«La dispensiera portò il pane, lo mise davanti: recò ancora molte vivande, dando con larghezza di quello che c'era in serbo.

«E m'invitava, Circe, a mangiare. Io non ne avevo voglia, ma sedevo pensando ad altro. Il mio cuore presagiva sventure.

«Circe, come s'accorse che io stavo là e non stendevo le mani sui cibi e che avevo un forte dolore, mi si faceva vicina, mi rivolgeva parole: ‹Come mai, Odisseo, siedi così, simile a un muto, rodendoti l'animo, e non tocchi né vivande né vino? Certo tu sospetti qualche altro inganno. Ma non devi temere: ti ho già fatto il solenne giuramento.›

«Così parlava. Ed io le rispondevo: ‹O Circe, e quale uomo che sia giusto e assennato, può aver cuore di saziarsi di cibo e bevanda, prima di liberare i suoi compagni e vederseli davanti agli occhi? Ma se tu davvero m'inviti premurosa a bere e a mangiare, scioglili, fammeli vedere coi miei propri occhi, i cari compagni.›

«Così parlavo. E Circe era già andata via attraverso la sala tenendo in mano la sua verga. Aprì le porte del porcile e li fece uscire: erano simili a maiali ingrassati di nove anni.

«Le si fermarono di fronte: e lei passava in mezzo ad essi e li ungeva uno per uno con un farmaco diverso. E dalle loro membra cadevano le setole che prima aveva fatto spuntare la droga malefica: gliel'aveva data lei stessa, Circe sovrana. E uomini tornarono di nuovo, più giovani che non fossero prima, e molto più belli e più grandi di statura a vedersi.›

CALIPSO ( il cui nome vuol dire la Nascosta) è la Ninfa che nell’Odissea trattiene Ulisse con sé per dieci anni, inutilmente offrendogli l’immortalità perché rimanesse con lei. Ermes le ordinerà di lasciarlo partire per volere di Zeus. In realtà Calipso è una delle antiche dee mediterranee,una delle Madri Venerande, relegata lontana dal potere, che ora detengono gli dei Olimpici. E' una figura della mitologia greca, Oceanina (ovvero figlia di Oceano e Teti), regina dell'isola di Ogigia. Secondo altri figlia del sole e sorella della maga Circe, o anche figlia del gigante Atlante. Viveva in una grotta incantata, tappezzata da zolle erbose, con fiori d'acqua e ninfee.

 

L'origine dell'isola di Ogigia, dimora di Calipso, è stata attribuita a varie località: Pantelleria, Panarea, Mljet in Croazia, Gozo a Malta, Gavados in Grecia.

Così parlò De Crescenzo Tra sirene e fans deliranti, incontriamo Luciano De Crescenzo e il suo Nessuno.

Lei propone spesso al grande pubblico i classici, dalla filosofia alla letteratura, a chi si rivolge in particolare?

Io vengo definito un divulgatore, cioè uno che scrive cose complicate in modo semplice, quindi per definizione un divulgatore si rivolge a un pubblico di massa. Fino a poco tempo fa avevano le chiavi in mano del paradiso letterario i critici letterari. Un autore che aveva scritto un libro, per farsi conoscere, doveva passare sotto le forche caudine delle terze pagine dei giornali. Oggi, grazie a Dio, e grazie ad alcuni nuovi strumenti, ci si può far conoscere da platee vastissime.

Quali sono questi nuovi strumenti?

Prima di tutto, la televisione: ai fini informativi rende più un "Maurizio Costanzo" che non un Enzo Golino, critico letterario di Repubblica o dell'Espresso. Poi, oltre alla televisione, c'è Internet. Quando si racconta un libro su Internet, anche con poche frasi si fa conoscere il contenuto di questo libro a milioni di persone. Ci sono poi anche altri fenomeni, come i "fan club". Io un pochino mi vergogno di questa cosa. Finora c'erano i "Ramazzotti fan club", i "Maradona fan club", si è mai visto il "fan club" di uno scrittore? E invece sono sorti dei "fan club" a Roma, a Napoli e anche all'estero e io, di tanto in tanto, vado lì e incontro tutti questi ragazzi che mi vogliono bene e li informo di quello che succede.

E la tradizione letteraria?

Certo è che Kafka, nel corso della sua vita, vendette solo seicento copie, Svevo anche meno, Leopardi meno ancora, però, credetemi, Leopardi non andò mai, nemmeno una volta, al "Maurizio Costanzo Show". A me sarebbe piaciuto vedere Maurizio Costanzo che batteva una mano sulle spalle (si fa per dire) del giovane Leopardi. Leopardi stava chiuso in una stanzetta e scriveva. Lo scrittore oggi si deve dar da fare per vendere e diffondere il suo libro deve sopportare qualsiasi fastidio, deve sopportare la folla, deve sopportare la sirena... [una prosperosa "sirena" è seduta alla destra dello scrittore! n.d.r.] Io la sirena la sopporto con molto piacere...

Perché ha scelto proprio l'Odissea per questo suo ultimo lavoro?

Signori miei, se uno si volesse oggi leggere l'Odissea, non è molto facile... Se si prende la traduzione dell'Odissea di Ippolito Pindemonte, premesso che Pindemonte è nato nel Settecento e ha tradotto l'Odissea in versi, dopo tre pagine uno non ne può più, non ce la fa proprio più! Eppure l'Odissea è un romanzo divertentissimo, pieno di colpi di scena, accadono un sacco di cose c'è Polifemo, c'è Circe, c'è Scilla e Cariddi, ci sono le Sirene. Così invece uno che legge l'Odissea si diverte, però come l'ho scritta io, con un linguaggio umano, si capisce addirittura tutto!

Quale personaggio femminile dell'Odissea preferisce?

Tra i quattro personaggi femminili dell'Odissea, Penelope, Circe, Calipso e Nausicaa, io preferisco Nausicaa, se non altro per la rima... È una battutaccia, lo so! Nausicaa si scrive con due "a"? Ma quello è l'orgasmo finale, "Nausicaaaa..." Penelope è una signora di mezza età, sempre triste, col velo, ma come mi può piacere? Non dormiva, la notte sempre sveglia a fa' 'sta tela... Circe è una tenutaria di una casa d'appuntamenti. Calipso è la peggiore di tutte: sempre addosso con "Ti voglio bene, ti voglio bene" per sette anni di seguito. L'unica allegra, giovane (stava nuda, giocava a palla...) è Nausicaa, grazie a Dio è n'ata cosa.

Quali elementi del carattere di Ulisse le piacciono di più, il desiderio di conoscenza o la sua debolezza per le donne?

Ulisse, detto tra noi, delle donne non se ne fregava assolutamente niente. Perché lui rifiuta Calipso che gli aveva promesso l'eterna giovinezza, rifiuta Nausicaa che il padre gli voleva far sposare, insomma rifiuta tutte. Il pregio maggiore di Ulisse era la curiosità, la voglia di sapere, la voglia di scoprire, quindi io auguro a tutti i giovani di nascere con dentro la voglia di sapere di Ulisse, quello è il merito del nostro eroe.

I suoi libri sono molto conosciuti anche all'estero, quali in particolare?

Io all'estero vendo molto, il paese in cui vendo di più è la Germania, poi l'Italia, poi la Spagna, il Giappone, la Corea... In Corea hanno comprato tutti i libri miei, pure l'ultimo. Che ppò capì un coreano di Bellavista, questo per me è un mistero! Si sono comprati pure le videocassette, quando le vedo raccontate in coreano, è terribile, vedo me che parlo in coreano, è proprio terribile... Bisogna sapere che il coreano è una lingua più "corta" dell'italiano e allora si sente parlare, poi cessa la voce e io continuo a muovere la bocca!

 

 

 

MESSINA Capoluogo della provincia, sulla costa nord-orientale, davanti allo stretto di Messina, tra la Sicilia e la Calabria. Economia: agricoltura (agrumi), industrie alimentari, di arredamenti, chimiche, edili, metalmeccaniche, navali, plastiche, trasporti e varie. Il suo antico nome è Zancle, in greco falce, ricorda la sua particolare forma falcata che ne fece sin dall'antichità un sicuro approdo naturale.

In età pre-greca fu abitata da popolazioni autoctone, forse Siculi. Nell'VIII sec. a.C., Ioni e Calcidesi fondarono il primo nucleo urbano tra la penisola di San Raineri e la zona del porto. La città cominciò a crescere, favorita dai commerci e dai traffici portuali. Dal V sec. a.C., travagliata da lotte intestine, conoscerà alterne vicende. Popolazioni messeniche cambiano il suo nome in Messina. Dopo un periodo di dominio cartaginese (426 a.C.), la città riusci a ritornare libera e ad allearsi con Siracusa, ma, ripresa dai Cartaginesi, fu distrutta da Imilcone nel 396 a.C. La nuova città, riedificata in età ellenistica da Dionigi di Siracusa, ricadde ancora sotto i Cartaginesi dai quali la liberò Timoleonte. Nel 289 la città fu occupata da un gruppo di mercenari campani cacciati da Siracusa, i Mamertini. Passata ai Romani nel 263 a.C., Messina divenne città federata. Fino alla caduta dell'lmpero romano d'Occidente (476 d.C.), si mantenne ricca e vitale. Dopo l'oscurità delle invasioni barbariche, ritornò a splendere in età bizantina, quando furono ravvivate le attività commerciali legate al porto. Nell'843, cedette all'invasione musulmana e gli abitanti si rifugiarono in massa a Rometta, cercando di resistere. Capitolarono soltanto nel 965 e, ritornati in città, ne riorganizzarono la struttura urbana e la vita sociale ed economica. Con l'età normanna, Messina divenne uno dei centri maggiori della Sicilia. 

Fu costruito il palazzo reale, attivato l'arsenale e potenziata la fortificazione con mura lungo tutta la costa. Il fervore costruttivo continuò nella successiva età sveva, con una nuova pianificazione urbanistica e nuovo sviluppo verso nord. Dopo l'età angioina e la guerra del Vespro, nella quale Messina ebbe parte attiva, un nuovo ordine socio-economico e urbanistico verrà imposto da Federico d'Aragona. Nel 300 e nel 400 cominciò a formarsi una nuova classe borghese imprenditoriale, dedita particolarmente al commercio della seta, delle pelli e della lana. Nel 400, e più ancora nel 500, al notevole sviluppo economico si uni l'apertura di nuove strade e piazze e la sistemazione dei nuovi quartieri di espansione. La rivolta antispagnola del 1674-78, violentemente stroncata, cancellò l'idea di fare di Messina la capitale del viceregno di Sicilia. La repressione della rivolta, l'esilio di molte famiglie, il peso di nuove tasse e ripetute epidemie causarono l'impoverimento della città. Il terremoto del 1783 fece il resto. La ricostruzione fu molto lenta anche a causa dei continui rivolgimenti politici e cambiamenti di regime. Nell'800, Messina era una città in decadenza. L'arrivo dell' unità d'Italia, con l'evidente divario tra nord e sud, rese la situazione più grave. Il segnale di una rinascita, almeno delle attività portuali, si avrà con l'istituzione del servizio di traghetti per la Calabria.  

 

La cucina messinese Nell'area dello Stretto, la tradizione millenaria della pesca del pescespada è alla base di una cucina, quella messinese appunto, famosa per i tanti piatti che esaltano la tenerezza e l'aroma della sua carne. Già nell'antichità il pescespada figurava nelle mense più raffinate, come attesta il gastronomo e poeta Archèstrato di Gela (IV secolo a.C.) Una ricetta tipica è quella del pescespada a gghiotta, cucinato cioè in una gustosa salsa di pomodoro, cipolla, arricchita con capperi, sedano e olive verdi snocciolate. Secondo gli intenditori per esaltare la carne del pescespada bisogna arrostirne le trance sulla brace e condire col sammarigghiu, cioè con un battuto di olio, limone, sale aglio, prezzemolo tritato e molto origano. Squisite sono poi le braciole di pescespada ottenute dal caciocavallo, cioè dalla parte anteriore dell'addome che viene tagliata a fettine, le quali vengono poi riempite di pan grattato condito con poco olio, prezzemolo, aglio e pepe.

Le braciole si possono arrostire alla griglia o cucinare a gghiotta.

Col pescespada si farcisce nel messinese anche un pasticcio di pastafrolla in cui oltre alla polpa del pesce cucinata a gghiotta si possono aggiungere zucchine fritte, piselli, carciofi affettati, e che è detta impanata di pescespada. Col sugo di pescespada a gghiotta si può condire naturalmente la pasta che nel messinese trova i suoi sapori più originali nel condimento a base di pesce o frutti di mare.

Tra i primi piatti tradizionale è la pasta ncasciata tipica di Messina; tra i secondi piatti rinomato è lo stoccafisso alla messinese o a gghiotta. Per quanto riguarda la carne, il falsomagro, gli involtini, la carne alla pizzaiola e, come piatto pasquale tradizionale, l'agnello.

Al tradizionale allevamento ovino e caprino è legata una rinomata produzione di formaggi, il pecorino pepato e no, la ricotta fresca, salata e al forno, la tuma, il caciocavallo nelle tradizionali forme a pera.

Accanto ai piatti che rimandano ad una cucina più ricca, ve ne sono altri nella tradizione gastronomica che si servono di condimenti piu' poveri e che sono legati non solo all'alimentazione quotidiana tipica del mondo contadino ma anche a certi rituali festivi. Così le varie zuppe di verdura, finocchietti, borragini, condite con olio crudo, le minestre di riso con ceci e con le verdure, il maccu saporita pietanza a base di fave secche che per la lunga cottura si riducono in una morbida crema.

Notissimo dolce di Messina è la pignolata bianca e/o nera di difficile preparazione e vanto delle migliori pasticcerie della città insieme alla non meno rinomata frutta martorana di pasta reale.

Panorama enologico di antichissime tradizioni, nel mondo antico due vini avevano solida fama: il Turomenio e il Mamertino. Oggi rinomati vini messinesi sono il Faro, vino a denominazione d'origine controllata, dal colore rubino, secco, adatto a tutto il pasto, con una gradazione minima di 12 gradi. Ottimi anche i vini di Milazzo e Barcellona. Tra i primi un bianco secco, il Capobianco, un rosso, il Caporosso, vino di collina, dal colore rubino, asciutto e pieno di corpo. Tra i secondi, vini bianchi e rossi di Barcellona. Vino di grande pregio il Mamertino di Taormina, vino da fine pasto, dal colore ambrato, dal sapore dolce e dall'intenso profumo con una gradazione di 16 gradi.

Ottimo il vino da dessert Malvasia di Lipari dal colore dorato, la gradazione è di 11,5 gradi nella versione naturale, di 18 gradi per la versione passita e di 20 per la liquorosa.

   

 

Il 28 dicembre del 1908 un nuovo violento terremoto distrusse quasi completamente Messina, causando circa 60 mila vittime. Il programma di ricostruzione, lungo e laborioso, volle riconfigurare l'immagine della città con una moderna pianta a griglia, salvaguardando e restaurando le testimonianze architettoniche e artistiche che avevano resistito al sisma e, soprattutto, badando all'antisismicità dei nuovi edifici. Tra gli anni '30 e '50 sorsero i palazzi sulla cortina del porto che si proponevano quali nuclei individuali e segno delle vivaci tendenze artistiche e architettoniche di quegli anni. L'espansione degli ultimi anni, caotica e priva di logica urbanistica, ha interessato soprattutto le aree meridionali e settentrionali, dando origine ad ampie zone periferiche.

Giungendo a Messina dallo Stretto si vede, quasi al centro della penisola di San Rainieri, la lanterna o torre di San Rainieri, di G. Angelo da Montorsoli (1555), e, continuando, si incontra un'altra opera difensiva: il forte di San Salvatore, progettato da Antonio Ferramolino nel 500. Dalla stazione, entrati nella via I Settembre (tracciata nel sec. XVI), all'incrocio con via U. Bassi è il palazzo della Banca d'Italia (1924). Il vicino edificio della Dogana, costruito dopo il terremoto del 1908, conserva alcune strutture originali e alcuni motivi in stile liberty. Tra via I Settembre e via Garibaldi, asse principale della città, caratterizzato da un'edilizia dei primi del '900, si trova la chiesa di Santa Maria degli Alemanni, d'età sveva, forse degli inizi del XIII sec. Appartenne all'Ordine dei cavalieri di Gerusalemme. Gravi danni furono causati alla chiesa dai terremoti del 1783 e del 1908. Soltanto in questo secondo dopoguerra furono avviati i lavori di restauro. I caratteri stilistici della chiesa denunciano un'attenzione verso modelli gotici da parte di architetti venuti forse dal nord, al seguito degli ordini religiosi. L'interno ha pianta basilicale a 3 navate e 3 absidi. Delle parti scultoree, rimangono alcuni elementi e i due portali (quello laterale quasi del tutto integro). Voltando per via Sant'Elia, si arriva all'omonima chiesa, edificata verso la fine del Seicento. Gli stucchi e gli affreschi dell'interno, danneggiati dalle calamità naturali, mostrano chiari i segni dei restauri. Ritornati in via Garibaldi, si incontra la chiesa di Santa Caterina di Valverde che all'interno conserva alcuni elementi scultorei del Sei e del Settecento. Il crocifisso sull'altare maggiore (sec. XVIII) è attribuito a Santi Siracusa. Salendo dal viale San Martino fino all'incrocio con la via Maddalena per raggiungere via Cesare Battisti, di fronte al largo Avignone, è possibile vedere una parte dell'area della necropoli (V-ll sec. a.C.) su cui fu edificata questa zona della città. Si continua sulla via Cesare Battisti e, attraversando piazza Padre Francia, via A. Martino, piazza Lo Sardo e via Santa Marta, si giunge alla chiesa di San Paolino. Edificata agli inizi del 600, costituisce l'unico esempio quasi integro dell'architettura di quest'età. La decorazione interna è arricchita da stucchi e affreschi del 700. Tra piazza Carducci e piazza Maurolico, si arriva al Palazzo di Giustizia, edificato nel 1928 su progetto di Marcello Piacentini. La facciata principale dà su piazza Maurolico, dove prospetta anche l'Università di Messina che vanta una lunga e illustre tradizione. Fondata nel 1548, fu soppressa nel 1679 dagli Spagnoli e ricostituita nel 1838. Imboccando la via G. Venezian, si giunge in piazza del Duomo. L'impianto originario risale alI'età normanna, agli ultimi anni del regno di Ruggero II.

Il terremoto del 1908 lo distrusse quasi totalmente. Fu ricostruito tra il 1919 e il 1929 per opera di Francesco Valenti e poi fu ancora danneggiato dai bombardamenti dell'ultima guerra, sicchè oggi si presenta profondamente riconfigurato nella struttura, con qualche elemento originario. Alla sinistra del Duomo si innalza l'alta mole del campanile, un'opera stupefacente, progettata negli anni '30 dall'architetto Francesco Valenti e contenente uno straordinario congegno meccanico ad orologio. Nella parte alta della torre, entro un quadrante, sono indicate le ore. Negli ordini inferiori si susseguono suggestive composizioni e figure semoventi, che sono tutto uno spettacolo quando rintocca il mezzogiorno. Entriamo nel Duomo. L'interno ha schema longitudinale con tre lunghe navate divise da 28 colonne. Totalmente riconfigurato, presenta alcuni elementi decorativi aggiunti nel corso dei secoli. In corrispondenza della navata destra si apre la scala che porta alla Cripta. Della grande mostra marmorea denominata "Apostolato", che correva lungo le pareti laterali della chiesa, rimane la statua di san Giovanni Battista, attribuita ad Antonello Gagini. Il grandioso organo del transetto è opera moderna (1948). Gli elementi scultorei e decorativi del presbiterio sono totalmente ricostruiti sugli originali distrutti: il baldacchino del Quagliata del 1628, l'altare maggiore, il coro ligneo di Giorgio Veneziano. I mosaici absidali sono anch'essi rifatti. Vicino al Duomo, è da ammirare la Fontana di Orione, opera di Giovanni Angelo Montorsoli (15471551). Nella vasca inferiore sono figure rappresentanti i fiumi Tevere, Nilo, Ebro e Camaro, attorniati da putti, conchiglie e vari altri elementi decorativi. Il fusto è composto da figure di donne e di tritoni. In alto vi è Orione con delfini e putti.  

Svoltando per via San Giacomo si incontra il palazzo Calapaj, interessante esempio dell'architettura messinese del sec. XVIII. Nella vicina piazzetta dei Catalani si erge il monumento a Don Giovanni d'Austria, edificato nel 1572-73 in occasione della sua venuta a Messina, dopo la vittoria di Lèpanto (1570). La statua in bronzo, opera dello scultore Andrea Calamecca, reca sul piedistallo alcune iscrizioni commemorative e momenti della battaglia di Lepanto. Ritornati in piazza Duomo, si attraversa il corso Cavour per giungere alla via XXIV Maggio, uno degli assi viari più antichi della città, con emergenze architettoniche di grande interesse, malgrado l'assetto sia stato sconvolto dalle distruzioni e dai terremoti.

Tra questa via e piazza Crisafulli, si erge il Monte di Pietà, uno dei monumenti più belli della Messina barocca. L'ingresso immette in una corte (al centro vi è una fontana), e la corte dà in un atrio con una scenografica scalinata a due rampe che porta alla chiesa della Pietà, di cui è rimasto soltanto il prospetto. Sia la chiesa che la scalinata sono opera di Placido Campolo e Antonio Basile (sec. XVIII). Procedendo sulla via XXIV Maggio, si giunge al Santuario di Montevergine. Tanto la chiesa che il monastero furono fondati tra il '500 il '600. Il monastero (sec. XVII). La chiesa è dedicata alla Beata Eustochia di cui all'interno si conservano le spoglie. Sul corso Cavour si raggiunge il Teatro Vittorio Emanuele, edificato nel 1852 su progetto di Pietro Valente; danneggiato dal terremoto del 1908 e restaurato. Da piazza San Vincenzo si possono osservare i resti dei bastioni cinquecenteschi appartenenti alle mura della città. Nella parte terminale del viale della Libertà si trova il Museo Regionale, istituito nel 1914, utilizzando le collezioni del Museo civico peloritano e accogliendo pezzi provenienti da chiese e palazzi distrutti. Conserva opere di straordinario valore storico e artistico, comprese tra il Xlll e il XVIII sec.

Come raggiungere Messina Treno: La stazione FS di Messina costituisce punto obbligato di fermata per tutti i treni provenienti da altre località italiane che approdano in Sicilia. Da Palermo: linea Palermo-Messina. Da Catania: linea Catania-Messina. Auto: Messina costituisce il primo punto d'approdo per il transito veicolare proveniente dalle altre località italiane. Da Palermo: autostrada A19 direzione Messina. Da Catania: autostrada A18 direzione Messina. Aereo: aeroporto dello Stretto di Reggio Calabria e aliscafi-navetta per Messina. Aeroporto di Catania Fontanarossa e autobus di linea Etna Trasporti da Catania a Messina via autostrada. 

I Monti sopra Messina La catena montuosa dei Peloritani sovrasta Messina e ne influenza la proiezione verso la Calabria, perchè‚ protegge la città e la separa dal resto della Sicilia. Ad occidente è delimitata dalla pianura di Novara di Sicilia, da dove iniziano i Nebrodi, a Mezzogiorno il fiume Alcantara si pone tra essa e le prime pendici dell'Etna. I Peloritani derivano il loro nome da Capo Peloro e geologicamente sono la continuazione dell'Appennino Calabro. Solcati da numerose fiumare, che ne erodono profondamente iI terreno presentano vette di notevole altezza. Monte Polverello (1279 m.) e Dinnammare (1124 m.) sono in prossimità di Messina e da essi il pendio degrada verso la città consentendo la presenza di molti casali. All'interno si innalzano il pizzo di Vernà (1287 m.), il monte Paiano (1023 m.), il monte Cavallo (1216 m.), il pizzo della Croce (1214 m.) e Portella Mandrazzi (1125 m.). I Peloritani sopra Messina sono connotati da fitta agricoltura e da vegetazione spontanea.

Una volta coperti da folti boschi, in gran parte distrutti per le necessità di legname dell'arsenale messinese, sono oggi contraddistinti, in alcune zone da una intensa macchia mediterranea, ricca di pregiate piante spontanee. Sono tuttora meta di uccelli migratori, tra cui i falchi pellegrini, gli sparvieri, le poiane, i nibbi e i falchi pecchiaioli. Da sempre in intenso rapporto con Messina, presentano numerose vie di attraversamento.

Di notevole interesse è il santuario di Dinnammare, da dove si dominano il mar Tirreno con le isole eolie, e lo Jonio con lo sfondo della Calabria. La catena montuosa presenta talvolta brevi pianori, sedi di antichissimi insediamenti, come a Monte Scuderi. Meta di frequenti gite estive dei messinesi alla ricerca di un po'di frescura, al quadrivio di Portella di S. Rizzo (m. 465) si trova una caserma del Corpo Forestale che ha attrezzato in modo essenziale alcune radure per facilitare la sosta dei turisti. Fra i molti casali che a nord e a sud circondano Messina e che conservano importanti tesori d'arte, si possono ricordare Salice (m. 236), con chiese e pitture dei secc. XV-XVIII, Castanea delle Furie (m. 382), dove la Chiesa madre del XVI sec. racchiude pitture e sculture di alta qualità, Gesso (m. 265), la cui Chiesa madre, del Seicento, conserva la statua marmorea della Madonna del Soccorso, attribuita al Montorsoli, Calvaruso, dove sorge un importante santuario francescano dedicato all'Ecce Homo con una splendida scultura lignea del Cristo sofferente del 1634 circa, opera di frate Umile da Petralia. Il Santuario è meta, il Lunedì di Pasqua, di intenso pellegrinaggio, condotto sino a poco tempo fa dai devoti su pittoreschi carretti. A Saponara (m. 160) si svolge, il martedì grasso, una storica sfilata carnevalesca: il Corteo dell'Orso e della Corte Principesca, che ricorda la cattura della pericolosa fiera, nel sec. XVIII, ad opera del Signore del luogo. La Chiesa madre di Bordonaro (m. 187), di recente costruzione, conserva, fra l'altro, una statua marmorea della Madonna delle Grazie di Antonello Gagini (1498); Cumia Inferiore (m. 264) è arricchita dalla cinquecentesca chiesa di S. Marina. 

Escursioni Milazzo e isole Eolie, Monti Peloritani e Nebrodi, Taormina, Catania e Siracusa.

Manifestazioni Fiera Campionaria Internazionale (1 - 15 agosto). Sfilata dei giganti Mata e Grifone (13 e 14 agosto). Processione della "Vara "(agosto). 

I SUOI COMUNI

ALI'
Sui Monti Peloritani meridionali. Punto base per le escursioni a Monte Scuderi.
ALI' TERME
Noto centro termale, sorge sul litorale jonico sotto Alì.
CASTELMOLA

Un balcone panoramico sullo Stretto di Messina e l'Etna.
FORZA D'AGRO'
Famosa "location" del film IL PADRINO di Coppola. 
GIARDINI NAXOS
Prima colonia greca di Sicilia.
GIOIOSA MAREA
Centro turistico del versante tirrenico affacciato sulle Isole Eolie.
ISOLE EOLIE
Isole minori di Sicilia. Arcipelago di origine vulcanica a pochi Km. dalla costa tirrenica.
LETOJANNI
Centro turistico costiero confinante con la riviera nord di Taormina. 
MESSINA
Porta di accesso per la Sicilia.
MILAZZO
A Km 33 da Messina sulla penisola omonima, nel versante tirrenico.
MONTALBANO ELICONA
A Km. 82 da Messina, sui Nebrodi settentrionali a quota 900 mt.
MOTTA CAMASTRA
Un presepe arroccato su un costone roccioso nella valle del fiume Alcantara.
NASO
Una terrazza sulle isole Eolie nei monti nebrodi settentrionali.
Parco dei Nebrodi
Comprende un territorio a cavallo tra le provincie di Messina, Catania ed Enna.
Riserva Naturale Orientata LAGHETTI DI MARINELLO
Al centro del golfo di Patti, si spinge a picco sul mare di Capo Tindari.
Riserva Naturale Orientata LE MONTAGNE DELLE FELCI E DEI PORRI
Situata nell'isola di Salina, nell'arcipelago vulcanico delle isole Eolie.
ROCCALUMERA
Località costiera del versante jonico, fu residenza del poeta Salvatore Quasimodo.
SAN FRATELLO
Sulle alture del Parco dei Nebrodi.
SANT'ALESSIO
A 36 Km da Messina. Sul litorale jonico nei pressi di Capo S. Alessio.
SANTA TERESA DI RIVA
Paese rivierasco della costa jonica messinese.
Santuario di MONTE KALFA
Sorge su una cresta rocciosa a 1000 metri di quota.
SAVOCA
Città d'arte della riviera jonica. Famosa per il film "Il Padrino".
TAORMINA
La capitale del turismo siciliano.

 

http://www.siciliatourist.tv/messina/messina.htm

 

Il web è già abbastanza inflazionato di articoli inerenti alle isole Eolie, le sette perle del Tirreno Meridionale ricche di storia, fascino e suggestioni. Per tale ragione, vorrei soffermarmi a descrivere soprattutto gli aspetti più misteriosi di questo meraviglioso arcipelago siciliano, con particolare attenzione ai colori che ogni singola isola sa esprimere, quasi a voler gareggiare, come tante primedonne, nella vanità della quotidiana rappresentazione scenica della natura; ma l'interesse viene catalizzato irresistibilmente anche da tutte quelle leggende, a metà fra tradizione popolare e realtà storica, che ancora oggi si tramandano nelle isole del fuoco e del vento.

   Tutta la Sicilia respira di millenni di storia, spesso intrecciati col mito, ma alle Eolie è facile confondere la leggenda con la realtà, tanto appaiono naturalmente verosimili i racconti dei pescatori che parlano di fate, eroi o entità divine, con gli occhi di bambini innamorati della loro terra, mentre a volte si può restare increduli di fronte a storie vere perse nella notte dei tempi e dalla trama sorprendentemente insolita.

   Già nelle origini del loro nome, le Eolie tradiscono la propria genesi mitica; è l'Odissea di Omero a raccontarci che le isole sono la dimora del dio dei venti, Eolo. Secondo una delle tante leggende, Eolo e il gemello Beoto nascono dall'amore segreto di Melanippa per Poseidone (Nettuno); il nonno materno, per punire la figlia, consegna Melanippa a un abitante di Metaponto, che adotta i due bambini.

   I due gemelli, diventati adulti, prendono il potere e uccidono la moglie del padre adottivo, per vendicarne le angherie che questa infliggeva alla madre naturale. In seguito a tale episodio, sono costretti a fuggire, Beoto in Tessaglia, mentre Eolo si rifugia nelle isole dove egli stesso fonda la città di Lipara.

   Eolo, narra l'Odissea, custodiva i venti dentro alcuni otri; abitava insieme ai suoi 12 figli (sei maschi e sei femmine, sposati fra loro) nelle isole della Sicilia che da lui presero il nome Eolie. Dopo avere accolto Ulisse, gli fece dono dei venti chiusi in un otre, che i suoi compagni incautamente aprirono, pensando custodisse un tesoro, provocando in tal modo una furiosa tempesta che fece ritornare la nave verso le Eolie: Eolo, credendo che Ulisse fosse perseguitato dagli dei, si rifiutò di aiutarlo e lo allontanò dalle isole.  

   In realtà, le Isole Eolie nascono in fasi successive come vulcani sottomarini quasi due milioni di anni fa, ma vengono abitate dalla fine del V millennio A.C. da popolazioni provenienti dalla Sicilia e stanziatesi a Lipari, Salina e Filicudi per sfruttare la risorsa economica dell'ossidiana, eruttata dal Monte Pelato, sulla costa Nord Orientale di Lipari. L'ossidiana, una sorta di vetro naturale nero e brillante, per quanto possa apparire strano, ha la stessa composizione chimica della bianca pomice, dalla quale differisce unicamente per lo stato vetroso anziché spugnoso, generato dalla repentina diminuzione della temperatura della colata lavica nella fase terminale delle eruzioni.

     E' incredibile come due materiali così diversi, uno scuro e pesante, l'altro candido e leggero (tanto da galleggiare sul mare anche a chilometri di distanza), possano avere la medesima origine; certo è che dell'esportazione dell'ossidiana di Lipari, il materiale più tagliente allora disponibile in natura, vi è ampia traccia oltre che in Sicilia, in Liguria, nella Francia meridionale e persino nella lontana Dalmazia.

   Geograficamente, le sette isole sono disposte a semicerchio, poco più a nord del 38° parallelo (fra 38° 22' e 38° 80' di latitudine nord e 14° 22' e 15° 20' di longitudine est), per una lunghezza complessiva di oltre 70 Km nel Tirreno Meridionale, di fronte alla costa siciliana messinese: la forma arcuata delle Eolie ricorda i più grandi archi vulcanici del Giappone, delle Isole della Sonda e delle Antille, che hanno un'origine analoga: nascono infatti da profonde fratture del fondo marino, generate dallo scontro fra la crosta di un mare e quella di un continente.

(Ermanno Sommariva)

 

 

Scorfano a ghiotta alla Liparota - Siamo nella tradizionale cucina mediterranea, ma gli scorfani delle Eolie sono per dolcezza, insuperabili. Ingredienti: 2 Scorfani da 500 gr. circa 3 Cipolline 3 pomodori maturi 8 olive verdi 1 cucchiaio dl capperi un ciuffo di prezzemolo foglioline di basilico 1/2 bicchiere di vino bianco secco 3 cucchiai di olio d'oliva pane tostato, pepe, sale. Procedimento: Eviscerate gli scorfani, tagliate tutte le pinne pungenti, squamateli, lavateli in acqua corrente e lasciateli sgocciolare. Pulite le cipolline e affettatele finemente; lavate i pomodori, privateli della buccia, dei semi e tagliateli a dadini; snocciolate le olive, lavate e tritate finemente il basilico e il prezzemolo. Scaldate in una casseruola l'olio d'oliva, rosolate le cipolle; unite le olive e i pomodori e cuocete per 1-2 minuti. Aggiungete gli scorfani, i capperi e il trito di prezzemolo e basilico. Bagnate con il vino bianco, versate un bicchiere di acqua e cuocete a pentola coperta per 30 minuti circa. Quando mancheranno 10 minuti, aggiustate di pepe e di sale e terminate la cottura togliendo il coperchio. Servite accompagnando con crostini di pane tostato. Ricetta del ristorante Filippino.

 

LE ISOLE EOLIE. L'incantevole arcipelago delle Isole Eolie si trova nel Mar Tirreno meridionale a nord della Sicilia.

Si compone di 10 fra isole e isolotti, ma soltanto sette sono abitate: Lipari, Salina, Vulcano, Alicudi, Filicudi, Panarea, Stromboli.

La superfice dell'arcipelago è di 115 Kmq, i centri abitati sono circa 20, i comuni 4:

S.Marina Salina, Malfa, Leni nell'isola di Salina e Lipari sull'omonima isola da cui, amministrativamente dipendono tutte le altre isole.

La popolazione è di circa 12.000 abitanti.

Le isole fanno parte della Regione Sicilia e dipendono dalla provincia di Messina.

Nacquero circa 700.000 anni fa nel seguente ordine: Panarea, Filicudi, Alicudi, Salina, Lipari, Vulcano e per ultimo Stromboli il quale forse ha circa 40.000 anni di età. Da ricordare l'emersione di Vulcanello avvenuta nel 183 a.c., mentre le ultime colate di pomice ed ossidiana sul monte Pelato a Lipari, sono avvenute circa 1500 anni fa.

Lipari Superfice Kmq. 37,6 Abitanti 8.000 . È la più importante ed estesa isola delle Eolie. Lipari è una isola vulcanica il cui aspetto attuale è il risultato di innumerevoli eruzioni e lunghissimi periodi di inattività. Lipari è la più popolosa isola dell'arcipelago ed i suoi 9.000 abitanti vivono in diversi centri abitati: Lipari propriamente detta, Pianoconte, Canneto, Quattropani, Acquacalda, Porticello.

Salina Superfice Kmq. 26,8 Abitanti 2.150 . Il suo nome deriva da uno stagno d'acqua salata posto nella parte sud dell'isola, che un tempo veniva utilizzato come salina. L'isola è composta essenzialmente da due ex vulcani (Fossa delle Felci mt.962 e Monte dei Porri mt. 860). Anticamente proprio per questa sua caratteristica era chiamata Dydime, "la doppia". L'isola è ricca di una folta vegetazione tipicamente mediterranea.

Panarea Superfice Kmq. 3,3 Abitanti 280. Incantevole isola, è stata abitata sin dai tempi preistorici. Alla estremità sud dell'isola sul promontorio di Punta Milazzese è stato rinvenuto un villaggio preistorico risalente alla età del bronzo. Anticamente l'isola era detta Enonymos. Panarea è  un pò un arcipelago nell'arcipelago dato che è circondata da piccole isole minori: Basiluzzo, Spinazzola, Dattilo, Bottaro, Lisca Nera, Formiche, Panarelli, Lisca Bianca. Basiluzzo fu abitato in età romana, oggi vi si coltivano capperi.

Vulcano Superfice Kmq. 21 Abitanti 400. L'isola di Vulcano è costituita da 4 edifici vulcanici il più cospicuo dei quali è il "Gran Cratere" alto 386 metri e sul quale è presente attività vulcanica sotto forma di fumarole. L'ultima eruzione su questo cratere risale al 1888/90. Vulcanello all'estremità nord-est dell'isola è alto appena 120 metri e sembra sia sorto dal mare nel 183 a.C. I rilievi più alti dell'isola sono costituiti dal Monte Aria e dal Monte Saraceno alti circa 500 metri. Questi due crateri sono inattivi da tempi preistorici.

Stromboli Superfice Kmq. 12,6 Abitanti 450. Stromboli è celebre per il vulcano che la domina, perennemente attivo, tanto attivo che l'isola può essere abitata perchè il materiale eruttivo viene rovesciato soltanto presso la Sciara del fuoco a nord-est dell'isola. L'unico grande cono vulcanico che forma l'isola è alto 926 metri. I villaggi di San Vincenzo e San Bartolo nella parte nord-est dell'isola formano il paese di Stromboli. Sulla costa meridionale dell'isola sorge Ginostra, un villaggio praticamente isolato dal resto dell'isola e raggiungibile soltanto via mare.

Alicudi Superfice Kmq. 5,2 Abitanti 140. Dell'arcipelago è l'isola posta più a occidente. Ha forma semisferica, è di origine vulcanica ed il suo nome deriva dall'antico "Ericusa" per il gran numero di eriche presenti sul suo territorio. L'ulivo e la vite sono presenti sull'isola oltre ai capperi. Tracce di insediamenti di età romana sono stati rinvenuti nella parte orientale dell'isola la più abitabile per la conformazione del terreno.

Il punto più alto dell'isola è il "Timpone della Montagnola" che tocca i 675 mt. di altitudine.

Filicudi Superfice Kmq. 9,5 Abitanti 450. Di grande interesse su questa isola la presenza di numerose, bellissime, grotte marine, la più famosa delle quali, detta del Bue Marino, si riteneva un tempo tana di mostruose creature. Sull'isola sono presenti tre vulcani ormai spenti: la Fossa delle Felci che con i suoi 773 metri di altitudine è il punto più alto dell'isola, la Montagnola 333 metri e il Torrione con 280 metri di altitudine. Caratteristica è la forma  dell'isola con un promontorio chiamato Capo Graziano, sede di importanti scavi archeologici che hanno rilevato la presenza di un villaggio preistorico risalente al XVI secolo a.C. Lungo la rotta per Alicudi sorge la "Canna": un imponente faraglione alto ben 85 metri. Anticamente Filicudi era chiamata Phoenicodes per il gran numero di felci presenti sull'isola.

 

 

 

 

  

 

 

  

 

 

 

 

 

FINE DEL VIAGGIO

 IN SICILIA.

ADESSO CHIEDETE

A QUESTO SIGNORE.

 

 

 

FORSE